Libri

Ingrid von Oelhafen: “Io, rapita dai nazisti per dare figli agli ariani”

Ingrid von Oelhafen: "Io, rapita dai nazisti per dare figli agli ariani"

Ingrid von Oelhafen: “Io, rapita dai nazisti per dare figli agli ariani”

BERLINO – Ingrid von Oelhafen, tedesca, ha raccontato di recente la sua drammatica storia: venne rapita nel 1942 dai nazisti quando aveva solo nove mesi a Sauerbrunn, in Jugoslavia, nell’ambito del discutibile Progetto Lebensborn (Progetto Sorgente di Vita) mirato a realizzare le teorie eugenetiche del Terzo Reich sulla razza ariana.

A Ingrid, spiega il Daily Mail,29 fu imposto un nuovo nome e venne adottata da genitori tedeschi, così da poter accrescere la popolazione ariana. Un progetto sponsorizzato dal governo che puntava alla “razza superiore” dei bambini ariani così da “popolare il Reich di Hitler per migliaia di anni”.

Lebensborn era stato realizzato per offrire alle ragazze madri un parto in modo anonimo, un’eccellente assistenza e ridurre così il numero degli aborti, ma le SS iniziarono a rapire i bambini dell’Europa dell’Est che consideravano di razza pura.

I bambini prelevati dalle famiglie erano classificati e poi adottati da una famiglia adatta a loro. Il primo orfanotrofio fu aperto nel 1935 a Monaco di Baviera e nel corso della seconda guerra mondiale, ci fu un’espansione in diversi Paesi europei.

Sulla sua esperienza, Ingrid ha scritto un libro, Hitler’s Forgotten Children, e il coautore Tim Tate ha dichiarato: “A nove mesi, Ingrid von Oelhafen fu rapita dalle SS nell’ambito del progetto Lebensborn, per la maggior parte della sua vita adulta non ha saputo da dove veniva. Solo a 58 anni ha potuto iniziare a indagare sulle sue origini: la personale e straordinaria ricerca investigativa l’ha portata a scoprire la verità su Lebensborn e su come ne facesse parte”.

I nazisti rapirono fino a mezzo milione di bambini provenienti da paesi dell’Europa dell’Est, occupati dalle truppe di Hitler. Ingrid ha scoperto che il suo nome di nascita era Erika Matko e che la famiglia biologica attualmente vive in Slovenia.

“Lebensborn consegnò Ingrid alle cure di genitori ariani che non le hanno mai rivelato da dove veniva”, afferma Tate, e quando la donna ha finalmente rintracciato la vera famiglia, ha scoperto che i nazisti ai genitori avevano dato in cambio un’altra bambina “cresciuta con il nome Ingrid, che viveva la sua vita”.

Furono rapiti mezzo milione di bambini in Russia, Polonia, Cecoslovacchia, Estonia, Lettonia e Norvegia e nel 1947, i quattro dirigenti del progetto Lebensborn furono processati a Norimberga ma assolti perché giudicati non responsabili del rapimento dei bambini.

To Top