Libri

Jane Austen, Shakespeare, Francis Bacon, sir Francis Drake: testamenti online

Jane Austen, Shakespeare, Francis Bacon, sir Francis Drake: testamenti online

Jane Austen

LONDRA – Jane Austen lasciò tutto alla sorella Cassandra, William Shakespeare destinò alla moglie solo un letto a baldacchino, mentre sir Francis Drake ebbe la generosità di donare decine di sterline alla “gente povera” di Plymouth. Tutti i dettagli sono ormai online: il sito britannico di ricerche genealogiche Ancestry.co.uk ha infatti pubblicato i testamenti degli inglesi vissuti tra il 1384 e il 1858, tra cui molte celebrità.

Tra le curiosità ci sono quelle del testamento dell filosofo e giurista Francis Bacon, che lasciò addirittura casa e terra alla servitù. Magnanimità simile a quella di Francis Drake, corsaro al soldo di sua Maestà per la quale depredava i galeoni spagnoli: nel 1596 lasciò l’equivalente di  180 mila euro ai poveri e alla parrocchia di Plymouth, sua città natale.

La scrittrice Jane Austen fu generosa soprattutto con la sorella Cassandra, a cui lasciò quasi tutta la propria eredità, non mancando però di destinare 50 sterline (circa 200mila euro) al fratello Henry e altrettante alla ex infermiera di famiglia, la signorina Bigeon.

Ci furono poi desideri più “nobili” di alcuni defunti celebri. Il compositore tedesco Georg Friedrich Händel, che morì a Londra nel 1759, nel suo testamento destinò l’equivalente di circa 100mila euro balla costruzione di una statua in suo onore all’abbazia di Westminster.

Lo scrittore e drammaturgo George Bernard Shaw aveva chiesto che parte del suo patrimonio servisse per inventare un nuovo alfabeto. Ma chi gli sopravvisse ritenne il compito troppo arduo, e i soldi andarono al British Museum.

 

To Top