Blitz quotidiano
powered by aruba

Angelo Vassallo, seconda perizia su telefono giornalista. Fnsi protesta

SALERNO – Dopo il sequestro dei cellulari alla giornalista de La Città di Salerno Rosaria Federico, e dopo il fallimento dell’analisi “non ripetibile” sugli stessi, la Procura di Salerno ha disposto una nuova perizia sui telefonini della collega. Con un preavviso di appena 17 ore è stato comunicato all’avvocato della Federico, Antonio Sarno, e al consulente del sindacato, Antonio Montisano, che oggi, 6 ottobre, alle ore 11, stavolta presso la Squadra Mobile della Questura di Salerno, si sarebbe effettuato un ulteriore tentativo di accesso ai dati dei telefoni, alla presenza del pm titolare dell’inchiesta, Silvio Marco Guarriello. Cosa che è effettivamente avvenuta, sempre con esito negativo.

La vicenda riguarda alcuni articoli che la Federico aveva scritto in merito all’omicidio del sindaco di Pollica, Angelo Vassallo. Gli inquirenti hanno proceduto al sequestro del cellulare della cronista che si era giustamente rifiutata di svelare le sue fonti.

“Una procedura assolutamente irrituale e anomala – protesta la Federazione Nazionale della Stampa in coro con il Sindacato unitario dei giornalisti della Campania – visto anche quanto affermato nel verbale della Polizia postale di Napoli che ha certificato la “fine dell’attività di acquisizione” con “esito negativo””.

Nonostante la Procura abbia infine disposto la restituzione dei cellulari alla giornalista, Fnsi e Sugc stigmatizzano questo ulteriore tentativo di violare, con ogni mezzo, il diritto alla riservatezza delle fonti della collega. Oltre a condannare il sequestro in sé, il sindacato denuncia poi le gravi carenze che hanno caratterizzato le operazioni, come il fatto che i telefoni non erano stati sigillati come prevede il protocollo, e chiedono al ministro della Giustizia di inviare gli ispettori per fare piena luce su una vicenda inquietante che rappresenta un gravissimo precedente.