Blitz quotidiano
powered by aruba

Diffamazione, alle 10:30 conferenza stampa Fnsi, Usigrai

ROMA – Si terrà questa mattina, primo giugno, alle 10:30 presso la sede della Federazione nazionale della stampa italiana a Roma, la conferenza stampa organizzata proprio da Fnsi, Articolo 21, Usigrai, Ordine dei giornalisti del Lazio e Pressing NoBavaglio per sensibilizzare l’opinione pubblica sul pericolo per la libertà di espressione e per l’uguaglianza sostanziale dei cittadini di fronte alla legge rappresentato dal tentativo di inasprire le pene per i cronisti che dovessero essere riconosciuti colpevoli di diffamazione a mezzo stampa nei confronti di un politico o di un magistrato.

Il provvedimento, approvato in commissione Giustizia al Senato il 3 maggio 2016 nell’ambito del disegno di legge in materia di contrasto al fenomeno delle intimidazioni ai danni degli amministratori locali, prevede l’innalzamento da un terzo alla metà delle pene stabilite per i delitti previsti dagli articoli 582, 595, 610, 612 e 635 del codice penale.

“Il testo approvato in commissione Giustizia del Senato – commentano il segretario generale e il presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti – apre una ferita nel percorso di dialogo tra giornalisti e istituzioni che dovrebbe invece portare a recepire l’indirizzo consolidato della giurisprudenza europea favorevole ad abolire il carcere per i reati di opinione”.

Contro il provvedimento si sono pronunciate anche la Federazione europea e la Federazione internazionale dei giornalisti, che hanno inviato al Consiglio d’Europa una segnalazione pubblicata sulla Piattaforma per la protezione dei giornalisti, e la rappresentante per la libertà dei media dell’Osce, Dunja Mijatović.

La conferenza stampa, a cui parteciperanno, tra gli altri, anche il professor Domenico D’Amati e il giornalista di Report Sigfrido Ranucci, si svolgerà questa mattina alle ore 10:30 nella sede della Federazione nazionale della stampa italiana, in corso Vittorio Emanuele II 349, a Roma (primo piano).