Media

Google, l’app suggerisce eventi nelle vicinanze. Ma per ora solo negli Usa

Google, l'app suggerisce eventi nelle vicinanze. Ma per ora solo negli Usa

Google, l’app suggerisce eventi nelle vicinanze. Ma per ora solo negli Usa

ROMA – Google ha lanciato un nuovo aggiornamento per la sua app, che permette agli utenti di ricercare gli eventi più interessanti, leggere la descrizione e, volendo, acquistare i biglietti tramite il sito ufficiale. Grazie ad alcuni filtri, che consentono di selezionare un determinato periodo di tempo, si potranno cercare gli eventi previsti nel corso dell’anno, mentre digitando “Nei dintorni” si avrà la possibilità di conoscere gli eventi più prossimi.

“Puo’ capitare sapere che c’è un bel concerto, ma non avere idea dove acquistare i biglietti”, spiega il product manager della pubblicità Nishant Ranka e aggiunge: “Cerchi qualcosa di divertente da fare stasera? Ora Google ti può aiutare “.

Per trovare un evento, gli utenti dovranno semplicemente digitare sullo smartphone parole come  “concerti jazz ad Austin” o “eventi d’arte questo fine settimana”: verrà visualizzata una lista di opzioni, che comprendono il titolo, la data, l’ora e il luogo; se quelli visualizzati non fosse sufficienti, selezionando “più eventi” c’è la possibilità di un’ulteriore elenco.

Al momento del lancio, Google ha mostrato i dati provenienti da Eventbrite, Ticketmaster, SeatGeek, Meetup, Vividseats, Jambase, LiveNation, Burbio, Allevents.in, Bookmyshow.com, StubHub, Bandsintown, Yext e Eventful.

L’azienda, inoltre,  ha  invitato i creatori di eventi a verificare le linee guida degli sviluppatori, per assicurarsi che le persone vedano le loro inserzioni.

A oggi la nuova funzionalità è disponibile negli Stati Uniti per gli utenti iOS e Android e non è chiaro se Google la rilascerà a livello globale. Con il lancio di applicazioni sempre più sofisticate, che si avvalgono dei progressi delle nuove tecnologie, il colosso del web si sta lentamente facendo strada nella vita sociale quotidiana delle persone: l’anno scorso, l’azienda ha lanciato una funzione che utilizza i dati in tempo reale per mostrare se un bar e affollato o meno.

“Popular Times”, utilizza dati anonimi per prevedere il numero di persone all’interno e una stima del tempo che passeranno nel locale. Inclusa in questa funzionalità in tempo reale, c’è la possibilità di sapere qual è l’orario con maggiore o minore affluenza e per quanto le persone si fermeranno nel posto.

Google può comunicare anche se la fila per l’autografo di un libro è lunga, il che significa sapere se c’è tempo di prendere un caffè durante il tragitto, e quante persone sono previste in un determinato evento o in qualsiasi altro giorno della settimana, utilizzando anche la cronologia delle ricerche per formulare i calcoli.

To Top