Blitz quotidiano
powered by aruba

Google, multa da Antitrust Ue: “Promuove l’installazione delle sue app”

ROMA – Multa in arrivo per Google da parte dell’Antitrust dell’Unione europea. L’accusa nei confronti del colosso di Mountain View è di sfruttare la sua posizione dominante del sistema operativo Android con inventivi economici che obbligano la preinstallazione di app come Google Search e Play Store. Un’accusa di abuso di posizione dominante per cui l’Antitrust sarebbe pronto a infliggere a Google una salata multa che deve funzionare da deterrente.

Michela Rovelli sul Corriere della Sera scrive che app come Google Search e Play Store sono preinstallate sui dispositivi Android, sia smartphone che tablet, e dopo la denuncia di FairSearch nel marzo 2013 l’autorità europea ha iniziato ad indagare sul caso. Alla società di Mountain View viene dunque contestato di aver adottato un sistema di incentivi economici per cui le app vengono preinstallate e non possono essere cancellate. L’Antitrust gli ha così contestato in un documento di 150 pagine l’accusa di abuso di posizione dominante:

“«La Commissione vuole fissare una multa abbastanza alta da essere un deterrente» per comportamenti di questo tipo in futuro, si legge. Una cifra che potrebbe basarsi sul numero di click degli utenti europei, sulle ricerche effettuate da Google Search, sulle app acquistate su Play Store o sugli utili che arrivano dai banner pubblicitari creati da AdMob. Nessun commento dalle autorità europee, mentre Google dichiara: «Non vediamo l’ora di dimostrare che abbiamo progettato il modello Android in un modo che sia funzionale per i consumatori ma anche che garantisca la concorrenza, e che supporti l’innovazione in tutto il continente»”.


PER SAPERNE DI PIU'