Blitz quotidiano
powered by aruba

Repubblica e Stampa, sciopero giornalisti. Fnsi: “Doveroso”

ROMA – “La decisione dei giornalisti di Repubblica e La Stampa di scioperare nella stessa giornata in cui era stato proclamato lo sciopero nazionale dei lavoratori poligrafici rappresenta un atto di responsabilità soprattutto nei confronti dei lettori”. Lo affermano Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della FNSI, la Federazione Nazionale della Stampa Italiana.

“Ferme restando le ragioni dei poligrafici che hanno scioperato, e ai quali va ribadita la solidarietà del sindacato dei giornalisti, e pur nel rispetto di chi ha deciso di non aderire allo sciopero nazionale – sottolineano – le prese di posizione dei giornalisti di molte testate, alcuni dei quali hanno indetto assemblee protrattesi fino a tarda sera impedendo di fatto l’uscita dei giornali, devono indurre gli editori a ragionare seriamente di futuro, rimettendo al centro la qualità dell’informazione. In un contesto generale in profondo mutamento e senza più le certezze del passato occorre una visione generale di sistema. Le criticità del settore non possono essere affrontate né con goffe esibizioni muscolari e controproducenti fughe in avanti e neppure illudendosi di poter cancellare regole, diritti fondamentali e tutele collettive in nome di una non meglio precisata efficienza aziendale.

Il comparto editoriale, non soltanto in Italia, è ancora alla prese con una crisi di natura strutturale. I necessari e ineludibili processi di ristrutturazione, dettati anche dalla già mutata organizzazione del lavoro e dalla rivoluzione digitale, richiedono una riflessione comune fra tutti gli attori del sistema, editori, giornalisti, lavoratori poligrafici, alla quale non potrà essere estraneo il governo. È una strada che è stata appena intrapresa con il progetto di legge di riforma dell’editoria e che si dovrà continuare a percorrere con maggiore convinzione se si vuole evitare il tracollo del sistema”.