Media

Yahoo, attacco hacker del 2013 colpì 3 miliardi di account. Cioè tutti, avevano detto un terzo

yahoo-attacco-hacker

Yahoo, attacco hacker del 2013 colpì 3 miliardi di account. Cioè tutti, avevano detto un terzo

NEW YORK – L’attacco hacker di cui è stata vittima Yahoo nel 2013 ha colpito 3 miliardi di account, cioè tutti e il triplo di quanto inizialmente comunicato dalla società. La cifra aggiornata arriva a quattro mesi di distanza dal completamento dell’acquisizione di Yahoo da parte di Verizon. E mostra le difficoltà delle due società nel fare i conti sull’esatta portata dell’attacco, che già quando è stato reso noto la prima volta nel 2016 risultava il maggiore della storia per numero di utenti coinvolti.

Oath, il nuovo nome assunto da Yahoo nell’universo Verizon, è arrivata a stabilire che il cyberattacco è stato molto peggiore del previsto dopo aver ricevuto informazioni da una società esterna, di cui non sono state fornite indicazioni. La revisione al rialzo del numero di account coinvolti è l’ultimo capitolo in ordine temporale di una saga che va avanti da mesi e che ha intaccato la reputazione di Yahoo, continuando a creare problemi al suo nuovo proprietario Verizon.

Tutto è iniziato nel settembre 2016, due mesi dopo che Yahoo aveva raggiunto un accordo per essere acquistata da Verizon. Era settembre quando per la prima volta Yahoo parlò di un cyberattacco avvenuto nel 2014 e che aveva riguardato 500 milioni di account. Poco dopo la società guidata da Marissa Mayer aveva rivisto la data dell’attacco al 2013. Alla fine dello scorso anno il bilancio degli account colpiti era salito a un miliardo. Ora, a distanza di mesi e con Yahoo non più indipendente, è aumentato ancora, fino a raggiungere i tre miliardi.

L’annuncio di Yahoo cade nel giorno in cui Equifax, il colosso del credito americano, viene sentito in Congresso in merito al cyberattacco di cui è stato vittima mettendo a rischio i dati di più di 140 milioni di americani. Di recente sono stati vittime di attacchi hacker anche la Sec, la consob americana, e la società di consulenza Deloitte. 

To Top