motori

Dario Cecconi, il motociclista italiano è morto dopo un tragico incidente alla Tandragee 100

Dario Cecconi (foto Facebook)

Dario Cecconi (foto Facebook)

LONDRA – Dario Cecconi, motociclista specialista sulle corse su strada, è morto in un tragico incidente in Irlanda nel Nord nel corso della più classica delle Road Races, la Tandragee 100. L’incidente è avvenuto sabato 22 aprile.

Trasportato in gravi condizioni all’Ospedale di Craigavon, Cecconi è deceduto martedì 25 aprile per la gravità delle ferite riportate. A divulgare la notizia è stato il fratello di Cecconi, Luca, attraverso un post su Facebook.

“Ciao ragazzi, oggi non mi sono fatto sentire per niente perché è stata la giornata peggiore della nostra vita. Io, mamma, babbo e Francesca siamo a dirvi che purtroppo Dario ha perso la battaglia più importante della sua vita. L’unica cosa che vogliamo condividere è che i medici ci hanno detto che non ha avuto il tempo di accorgersi di niente e che in questi 3 giorni non ha sofferto. Dario se ne è andato seguendo una delle sue più grandi passioni circondato da persone che gli vogliono bene in luogo che ama.. Ringraziamo tutti ma veramente tutti per l’immenso supporto che ci avete dato”.

Ad esprimere il loro cordoglio, anche gli organizzatori della gara. “Il North Armagh Motorcycle & Car Club (Tarmac Section) Ltd è addolorato nell’annunciare che Dario Cecconi, pilota italiano trentottenne che ha subito serie lesioni all’ultimo giro, dopo l’esposizione della bandiera a scacchi nella Senior Support Race, sabato 22 aprile 2017 è morto. Dario era molto amato, considerava la Tandragee una seconda casa e si è impegnato molto per promuoverla in tutta Europa, tanto da mostrare un tatuaggio del circuito sul braccio”.

To Top