Blitz quotidiano
powered by aruba

Dieselgate, al via i richiami per Volkswagen Polo e Ibiza 1.2 TDI

ROMA – E’ ormai trascorso un anno dallo scandalo sulle emissioni truccate, il Dieselgate, e da parte di Volkswagen prosegue la campagna di richiami. L’Autorità Federale per i Trasporti tedesca (KBA) ha approvato le soluzioni tecniche per i veicoli equipaggiati con motore Diesel 1.2 TDI EA189. In una nota ufficiale la Casa di Wolfsburg dichiara che l’autorizzazione riguarda 460.000 veicoli del Gruppo, che includono i modelli Volkswagen Polo e Seat Ibiza, di cui oltre 46.000 in Italia.

L’aggiornamento software può quindi essere effettuato sui primi veicoli con motore di questa cilindrata. I proprietari saranno prontamente informati e potranno subito fissare un appuntamento nei centri di assistenza. Tutti i proprietari delle vetture coinvolte hanno già ricevuto per iscritto conferma che la loro automobile è interessata dalla campagna d’intervento; ora riceveranno una seconda comunicazione che chiede loro di fissare un appuntamento con il proprio Service Partner. Le lettere vengono spedite in diverse fasi, via via che le misure sono verificate e approvate dall’Autorità competente, e ora è la volta dei modelli sopra menzionati con motore 1.2 TDI.

L’implementazione delle misure tecniche sui veicoli con motore 2.0 TDI ha preso il via già all’inizio dell’anno; ora è il turno dei veicoli equipaggiati con i propulsori Diesel dalla cilindrata più bassa della famiglia EA189. Al momento, quindi, le soluzioni tecniche sono disponibili per i modelli con motori 2.0 TDI e 1.2 TDI. All’esito dell’intervento, le vetture rispetteranno pienamente le normative vigenti. L’Autorità Federale dei Trasporti tedesca (KBA) ha anche confermato in modo inequivocabile che le soluzioni tecniche per questi modelli non comporteranno alcuna modifica ai consumi di carburante, alle prestazioni o alle emissioni acustiche delle vetture interessate, così come fatto in precedenza per tutti gli altri veicoli per i quali è stata finora approvata la campagna.

La Volkswagen, si legge nella nota, “sta lavorando a pieno ritmo per implementare le misure tecniche e aggiornerà tutti i veicoli interessati. Ai clienti non verrà addebitato alcun costo per la realizzazione dell’intervento e verranno fornite auto sostitutive”. Volkswagen ricorda anche che “i veicoli interessati sono tecnicamente sicuri e adatti alla circolazione su strada e, in attesa dell’aggiornamento, possono pertanto essere utilizzati senza alcuna limitazione”.