motori

F1 Montecarlo. Kimi Raikkonen, la rabbia: “Io secondo per ordine di scuderia”. Sul podio è scuro in volto FOTO

MONTECARLO – Queste foto che seguono le pubblica l’Ansa e spiegano più di mille parole l’amarezza provata da Kimi Raikkonen al termine del Gp di Montecarlo. La faccia di Kimi, malgrado il secondo posto è seria e piena di amarezza. Il finlandese della Ferrari scoppiava di rabbia dato che la sua vittoria è stata sfilata ai box dal compagno di squadra, per ordine di scuderia.

Accanto a lui c’è un raggiante Sebastian Vettel, compagno di squadra alla Ferrari ed arrivato primo malgrado fosse partito per secondo. Vettel ha infatti trionfato grazie alla sosta anticipata del compagno che era ancora davanti.  Al rientro, Vettel è diventato imprendibile.

La direzione sportiva del Cavallino minimizza: “Seb era più veloce, Ricciardo (il pilota della Red Bull poi terzo, ndr) stava recuperando ed è normale che l’auto in testa faccia il pit stop per prima”. Raikkonen non ci sta è pensa che si tratti di favoritismo. Anche Nico Rosberg, ex campione del mondo Mercedes, è stato per lungo tempo dietro al compagno di squadra Lewis Hamilton, anch’esso favorito in diverse occasioni: “So quello che stai provando. Non è una sensazione piacevole. Ma è un grande risultato per la squadra” ha spiegato Rosberg.

Ufficialmente, il pilota della Ferrari arrivato secondo, a Rosberg che lo intervista sotto il podio di Montecarlo spiega: “Per me un secondo posto non è una bellissima sensazione. Le cose però vanno così, proveremo a migliorare ma davvero oggi mi auguravo di portare a casa qualcosa di più”, si è limitato ad aggiungere il ferrarista.

“Volevo vincere – ammette ancora il pilota Kimi Raikkonen -, non posso essere contento di un secondo posto anche se è un gran risultato per il team. Non so se mi fossi fermato dopo se la situazione sarebbe cambiata. Con i se e con i ma non si va avanti. Comunque non mi ha favorito quella mossa”.

 

To Top