motori

Ferrari, Sergio Marchionne: “Pronti a lanciare il nostro suv. Ma non c’entra con Porsche”

Ferrari, Sergio Marchionne: "Pronti a lanciare il nostro suv. Ma non c'entra con Porsche"

Ferrari, Sergio Marchionne: “Pronti a lanciare il nostro suv. Ma non c’entra con Porsche” (foto Ansa)

TORINO – La Ferrari pronta a lanciare il suo suv. Ma non farà un suv come quelli che esistono oggi sul mercato, non servirà per competere con Porsche. Un eventuale suv della Rossa sarebbe “un prodotto diverso, che non si può comparare con altri dello stesso segmento”: lo ha precisato il presidente e amministratore delegato del Cavallino, Sergio Marchionne, che ha rinviato all’Investor Day del 2018.

Si tratterebbe, ha spiegato Marchionne, di una vettura con caratteristiche del suv, un utility vehicle a quattro posti che permetterebbe un utilizzo più ampio mantenendo le caratteristiche del brand. “Ferrari non farà una produzione eccessiva, ma dobbiamo guardare ad altri modelli, occupare nuovi spazi”, ha sottolineato il numero uno della casa di Maranello.

La Ferrari, del resto, si prepara a “un altro grande anno”. Superare il tetto storico delle 10.000 vetture prodotte, per la casa di Maranello non è più un tabù. Sono queste le indicazioni che arrivano da Marchionne nel giorno dei conti del primo semestre.

Le caratteristiche del modello allo studio si conosceranno quando verrà presentato il nuovo piano al 2022, nell’Investor Day annunciato per il primo trimestre del prossimo anno. Per ora pochi indizi: “Non vogliamo competere con Porsche, ma dobbiamo pensare a nuovi modelli. Dobbiamo essere come sempre pionieri: Ferrari è famosa perché ridefinisce i segmenti”.

Il secondo trimestre 2017, intanto, si chiude con un utile netto adjusted di 136 milioni, in crescita del 30% rispetto all’analogo periodo 2016 e con un ebit pari a 202 milioni “a livello record” (+29%). I ricavi netti ammontano a 920 milioni di euro, in aumento del 13,5% (+12,8% a cambi costanti), mentre le vetture consegnate sono 2.332, 118 in più (+5,3%), grazie ai modelli a 12 cilindri GTC4Lusso e da LaFerrari Aperta. L’indebitamento industriale netto scende a 627 milioni rispetto ai 653 milioni del 31 dicembre 2016.

Confermato l’outlook per il 2017: 8.400 consegne, incluse le supercar, ricavi netti oltre 3,3 miliardi, ebit adjusted maggiore di 950 milioni, indebitamento industriale netto in calo a 500 milioni. A Piazza Affari il titolo perde il 3,5%), ma ad incidere sono le prese di beneficio dopo i massimi delle ultime sedute.

 

To Top