motori

MotoGp Qatar, Maverick Vinales trionfa su Andrea Dovizioso e Valentino Rossi

Maverick Vinales

Maverick Vinales EPA/NOUSHAD THEKKAYIL

ROMA – Come voleva il pronostico, Maverick Vinales ha vinto il gran premio del Qatar, classe MotoGp. Ma non da dominatore. A rendergli difficile la vita ci ha pensato fino all’ultima curva Andrea Dovizioso con la Ducati ufficiale.

Nella prima gara della stagione 2017, il pilota di Forlinpopoli e lo spagnolo sono stati protagonisti di un duello appassionante, fatto di sorpassi a ripetizione e staccate al limite sul lungo rettilineo di Losail.

Quando mancavano sette-otto giri al termine i due hanno infuocato la gara. Sul traguardo ha prevalso Vinales grazie ad una Yamaha che è sembrata più stabile negli inserimenti in curva, mentre la prepotenza del motore Ducati faceva la differenza in velocità.

Terzo Valentino Rossi, parso in netta ripresa rispetto alle tribolazioni patite nei test e, soprattutto, nelle libere dei giorni scorsi. Delusione per Andrea Iannone, in sella ad una Suzuki che ha mostrato di non sfigurare al cospetto degli altri marchi ed avrebbe potuto dire la sua fino in fondo, se non fosse stato per la scivolata che ha tolto di gara il pilota di Vasto quando mancavano 10 giri al termine.

Quarta e quinta le Honda di Marc Marquez e Dani Pedrosa, forse vittime di una scelta sbagliata delle gomme. Sesto lo spagnolo Aleix Espargaro con un’ottima Aprilia e festeggiato ai box come un vincitore.

Il via è stato ritardato di tre quarti d’ora causa una spolverata di pioggia che aveva bagnato alcuni punti del circuito, portando alla riduzione da 22 a 20 giri. Molti piloti hanno scelto di cambiare le gomme. Qualcuno ha indovinato, altri no. Dovizioso, ad esempio, è passato alla soft.

Al via Johan Zarco ha sorpreso tutti. Il francese, campione del mondo Moto2, con la Yamaha Tech3 ha dominato i primi cinque giri, grazie alla gomma morbida. Ma al sesto ha perso l’anteriore ed è finito fuori pista. In partenza ha sbagliato Jorge Lorenzo, andato largo in una curva e relegato nelle retrovie. Alla fine sarà 11/o.

Dovizioso, Marquez, Iannone, Vinales e Rossi via via si sono staccati davanti. Il miglior Dovizioso degli ultimi anni ha saputo rispondere per quattro giri agli attacchi di Vinales, mentre Rossi non li perdeva di vista e Marquez perdeva contatto.

Un corpo a corpo che ha entusiasmato il pubblico di Losail fino alla fine e lascia immaginare un Mondiale della classe regina emozionante, con tanti pretendenti al titolo.

To Top