motori

Nicky Hayden, indagato l’investitore. Si cerca di ricostruire l’incidente

Nicky Hayden, indagato l'investitore. Si cerca di ricostruire l'incidente

Nicky Hayden, indagato l’investitore. Si cerca di ricostruire l’incidente

ROMA – Nicky Hayden continua a lottare fra la vita e la morte. Restano infatti estremamente gravi le condizioni cliniche del pilota ex campione della MotoGP, ricoverato da mercoledì 17 maggio nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Bufalini di Cesena. Il 36enne si stava allenando sulla sua bici da corsa lungo la strada Riccione-Tavoleto quando è stato investito da un’autovettura.

Il sostituto procuratore, Paolo Gengarelli, ha aperto un fascicolo per lesioni stradali iscrivendo come indagato il 30enne di Morciano che ha investito Nicky Hayden. L’alcoltest ha già dato il primo responso: non aveva nessuna traccia di alcol nel sangue. Manca ancora l’esito degli esami tossicologici che arriveranno nei prossimi giorni.

Il magistrato, scrive il Resto del Carlino, disporrà una consulenza tecnica per ricostruire l’esatta dinamica che ha portato all’incidente e capire se l’ex campione del mondo, al momento dell’impatto, stesse ascoltando musica dal suo Ipod tramite auricolari. Così come dovrà essere calcolata la velocità alla quale stava viaggiando la Peugeot sulla via Tavoleto. Sul selciato non c’è alcun segno di frenata. Hayden sarebbe uscito da una via laterale, via Ca’ Raffaelli, poi lo schianto maledetto.

 

To Top