Blitz quotidiano
powered by aruba

Beatles, Paul McCartney: “Blackbird ispirata a diritti neri”

LITTLE ROCK – Il 22 novembre del 1968 usciva The Beatles, l’album passato alla storia per la sua copertina bianca (da qui il nome di “White album”). Nel disco doppio c’è Blackbird, brano il cui testo fa riferimento al movimento per i diritti civili degli afroamericani. Paul McCartney è l’autore della canzone: Sir Paul, conferma ora definitivamente che il brano è dedicato a loro. Tutto nasce durante un concerto a Little Rock in Arkansas. Qui, Paul McCartney ha incontrato due delle donne ispirarono quella celebre canzone: si tratta di Thelma Mothershed Wair, 76 anni, e Elizabeth Eckford di 75. “È stato incredibile incontrare due pioniere dei diritti civili dei neri, fonte di ispirazione per Blackbird” ha scritto su Twitter Paul McCartney che ha pubblicato una foto assieme alle due donne che nel 1957 erano tra i nove studenti afroamericani che furono al centro della cosiddetta “Crisi di Little Rock”. Come racconta Il Secolo XIX

” Le due ragazze furono tra le prima a essere ammesse in un liceo frequentato da studenti bianchi nella cittadina del sud degli Stati Uniti”.

“Era il 1957, quattro anni dopo la sentenza con cui la Corte Suprema aveva dichiarato incostituzionali le leggi di segregazione nelle scuole degli Stati Uniti. Tuttavia, l’ammissione dei nove di Little Rock fece scalpore e le truppe dell’Arkansas National Guard impedirono loro l’accesso in aula, tra gli insulti e le violenze degli studenti bianchi che non li volevano in classe. Di quella giornata resta celebre una foto che ritrae proprio Elizabeth Eckford, che cammina con i libri in mano mentre una studentessa bianca le urla alle spalle”.

“Per sedare il caso dei Little Rock Nine intervenne anche il presidente Eisenhower, che inviò truppe federali per verificare che ai nove studenti fosse consentito l’accesso a scuola. Tutto inutile, visto che le proteste continuarono e per quasi un anno, per i nove di Little Rock, fu praticamente impossibile frequentare la scuola”.

 


PER SAPERNE DI PIU'