Musica

Chris Cornell, il saluto a fine dell’ultimo concerto: “Mi dispiace per la prossima città”

Chris Cornell, il saluto a fine concerto: "Mi dispiace per la prossima città"

Chris Cornell, il saluto a fine concerto: “Mi dispiace per la prossima città”

DETROIT – Chris Cornell, probabilmente, aveva già deciso tutto. Ha voluto cantare per un’ultima volta con la sua band, i Soundgarden, per poi togliersi la vita. Il suicidio del 52enne cantante è stato confermato ieri sera dal rapporto del Wayne County Medical Examiner’s Office.

Stando a Ken Settle, fotografo ufficiale del concerto tenutosi poche ore prima il folle gesto, c’era “qualcosa di strano e minaccioso” nel comportamento di Chris Cornell. Ha continuato a fare musica, provare, scrivere canzoni, fino alla fine ma, soprattutto, durante l’ultimo concerto a Detroit, rivela Settle, Cornell era “stranamente euforico rispetto al solito”. Un cambiamento notevole, dato che nei restanti concerti sembrava sempre più concentrato, introspettivo, assorto e perso in se stesso. E poi c’è quella frase detta alla fine del concerto: “Sono davvero dispiaciuto per la prossima città”. Adesso, suona davvero in maniera diversa.

San raffaele

Chris Cornell è stato trovato impiccato nel bagno della sua stanza d’albergo da un amico di famiglia dopo che sua moglie, Vicky Karayiannis, gli ha chiesto di controllare dove fosse suo marito.

To Top