Blitz quotidiano
powered by aruba

Fedez sfida Siae e passa a Soundreef per diritti musicali

MILANO – Fedez lascia la Siae e per la raccolta dei suoi diritti d’autore si affida a Soundreef, società specializzata nella gestione dei diritti musicali che lo scorso 18 marzo è stata riconosciuta ufficialmente in Inghilterra per effettuare la raccolta dei diritti di autore. L’accordo è stato firmato a Milano tra lo stesso rapper e l’amministratore delegato di Soundreef, Davide D’Atri.

Aggiunge Alice Castagneri su La Stampa:

“Ho scoperto Soundreef – racconta il cantante – perché sono appassionato di start up e in più si occupa di un contenuto che mi riguarda direttamente. Penso che quando si abbatte un monopolio, c’è un miglioramento dei servizi per il fruitore”.

«Quella di Federico – commenta Davide D’Atri, fondatore e amministratore delegato di Soundreef – è una scelta coraggiosa ma anche di innovazione, dettata dalla voglia di cambiare il sistema che garantisce i più forti. La rivoluzione digitale non poteva che travolgere i monopoli che ancora resistono nel nostro Paese. Assisteremo presto a un effetto domino».

Soundreef promette di ridurre i tempi di pagamento dei compensi per gli autori, passando da 12-24 mesi a un paio di settimane. «La nostra società – spiega Davide D’Atri – rendiconta le utilizzazioni entro sette giorni dal concerto e paga le royalty entro 90 giorni dal concerto, sia per il nazionale che per l’internazionale. La nostra rendicontazione è analitica al 100%. Ciò che viene suonato viene pagato e gli utenti attraverso l’account online possono verificare in tempo reale come e quando hanno guadagnato».

Immagine 1 di 33
  • VIDEO Fedez imbarazzato sul set vicino alla ragazza...
  • (foto Ansa)
  • (foto Ansa)
  • (foto Twitter)
Immagine 1 di 33

 


TAG: ,