Musica

Kaya Jones, ex Pussycat Dolls: “Noi tutte molestate da dirigenti”

kaya-jones-pussycat-dolls

Nel frame di YouTube, Kaya Jones

NEW YORK – “Siamo state tutte molestate”. Kaya Jones, ex Pussycat Dolls non ci va leggera e afferma che “in realtà non ero in una band ma in giro di prostituzione, le cantanti passavano di mano in mano, costrette a fare sesso e molestate dai dirigenti del settore”.

Kaya Jones, 33 anni, ha twittato l’esplosiva accusa, in un momento in cui gli abusi sessuali sono un tema al centro del mondo dello spettacolo, nei confronti di dirigenti della band a cui aderì nel 2003, quando era adolescente.

“E’ la verità. Non ero in una band di ragazze ma in un giro di prostituzione, poi è accaduto che cantando siamo diventate famose. Mentre chi ci possedeva faceva soldi. La casa discografica guadagnava e noi eravamo pagate 500 dollari a settimana, eravamo usate e molestate”, ha scritto la Jones.

Robin Antin, fondatrice delle Pussycat Dolls, ha bollato le affermazioni della Jones come “disgustose, ridicole bugie”. Ha detto a The Blast che sta “cercando chiaramente il suo quarto d’ora di gloria”.

Antin continua a sostenere che la Jones non sia stata mai veramente un vero membro del gruppo, era semplicemente una delle tante ragazze in prova, e che le accuse potrebbe offendere le vere protagoniste tra cui Nicole Scherzinger.

Le accuse della Jones risalgono a fatti di dieci anni fa ma non ha mai menzionato i nomi di chi avrebbe partecipato al presunto abuso.

In un’intervista, ha detto che aveva deciso di parlare poiché profondamente colpita dal massacro nel concerto di Las Vegas, accaduto poco dopo che la Jones si era allontanata da un bar nelle vicinanze.

To Top