Musica

Laura Pausini: “One Love Manchester in diretta tv? Per l’Abruzzo io sono stata lasciata sola”

Laura Pausini: "One Love Manchester emozionante, per l'Abruzzo invece io sono stata lasciata sola"

Laura Pausini: “One Love Manchester emozionante, per l’Abruzzo invece io sono stata lasciata sola”

ROMA – Laura Pausini definisce emozionante il concerto One Love Manchester, dedicato alle vittime degli attacchi terroristici dell’Isis dello scorso 22 maggio e trasmesso in diretta televisiva. Non manca poi la cantante di dare una stoccata all’Italia, dove lei ha organizzato diversi concerti benefici e si è ritrovata sempre da “sola”. La Pausini accusa così le televisioni di aver ignorato il suo “Amiche per l’Abruzzo”, concerto organizzato nel 2009 per raccogliere fondi per i terremotati e che fu ignorato mediaticamente, anche se permise la raccolta di un milione di euro. Una polemica che però non è piaciuta a tutti i suoi fan: c’è infatti chi ha trovato fuori luogo le considerazioni dell’amatissima Laura Pausini.

One Love Manchester, organizzato da Ariana Grande, ha permesso la raccolta di fondi per le vittime dell’attentato e la sera del 4 giugno è stato trasmesso in diretta dalla Rai. Una differenza di trattamento, rispetto al suo evento benefico, che la Pausini ha pensato di rimarcare su Twitter:

“Bravissimi tutti gli artisti di #onelovemancester ❤️ L’emozione mi ha ricordato #AxA. Peccato che allora nessuna TV italiana ci aiutó”.

Poi la cantante ha aggiunto una “assoluzione” per le radio:

“Le radio italiane invece furono così all’avanguardia da essere poi giustamente imitate. Insieme si può sempre dare un messaggio d’amore vero”.

Non tutti però hanno apprezzato il parallelo, fatto sicuramente in buona fede da Laura Pausini, e i commenti non sono stati tutti in suo favore:

“In casi come questi, lascerei stare le polemiche via social” le fa sapere una ragazza, mentre un’altra commenta: “Avrei evitato di fare polemiche… potevi congratularti e basta!!!!”. La cantante romagnola non ha risposto alle critiche, continuando a diffondere il messaggio di pace di Manchester tramite vari retweet. “Non smetteremo di cantare. Ne di andare ai concerti. Voi siete il male, non noi!”.

To Top