Blitz quotidiano
powered by aruba

Paura per Yoko Ono in ospedale: ictus? No, solo stanchezza

NEW YORK – Yoko Ono è stata ricoverata la sera del 26 febbraio dopo aver accusato un malore. L’artista, 83 anni compiuti da poco, è stata trovata priva di sensi nel suo appartamento al Dakota a Manhattan e trasportata in ospedale. Tanta la paura, soprattutto dopo le prime notizie su un possibile ictus, ma poi a rassicurare i fan è stato il figlio Sean Ono Lennon: “Si è trattato solo di stanchezza per una influenza”.

Tutto inizia la sera del 26 febbraio intorno alle 21 quando i media lanciano la notizia che Yoko Ono ha avuto un ictus. Subito il suo portavoce Elliot Mintz ha smentito i rumors circolati, rassicurando che non si trattava di ictus e ribadendo che l’artista non era in pericolo di vita.

A smentire le voci circolanti ci ha pensato anche il figlio di Yoko Ono e John Lennon, che su Twitter ha scritto due messaggi su quanto stava accadendo:

“Ehi ragazzi, erano solo pettegolezzi dei media: NON è stato un infarto, solo disidratazione e stanchezza. Lei sta bene. Grazie a tutti per il vostro sostegno”.

E ancora:

“L’unico infarto che ha avuto e un colpo di genio! Sta davvero bene, grazie a tutti per i vostri auguri! Tanto amore, Sean”.