Blitz quotidiano
powered by aruba

Prince, “sono suo figlio”: carcerato chiede test Dna

MINNEAPOLIS – Prince, spunta un uomo che dice di essere suo figlio biologico. E quindi l’erede di tutta la sua fortuna. L’uomo in questione si chiama Carlin Q. Williams ed è di Kansas City, nel Missouri. E’ in carcere dopo essere stato condannato per trasporto di armi. E ha chiesto di potersi sottoporre al test del Dna per dimostrare che Prince era sua padre.

Secondo i documenti di Williams riportati dal tabloid britannico The Daily Mail, sua madre, Marsha Henson, avrebbe avuto un rapporto non protetto con Prince in un el di Kansas Cirt una notte del luglio del 1976.

Del resto i giudici che dovranno stabilire a chi andrà l’eredità milionaria della popstar (che è morta senza lasciare un testamento)erano pronti a casi simili, tanto da aver ordinato un test del Dna sulla salma della celebrità per anticipare eventuali reclami di paternità.

Prince, il cui nome all’anagrafe era Prince Rogers Nelson, è stato trovato morto all’età di 57 anni lo scorso 21 aprile nella sua casa di Paisley Park a Minneapolis.

Ad oggi sono circa 700 gli uomini e le donne provenienti da ogni parte degli Stati Uniti che sostengono di essere legati da un vincolo di parentela a Prince e sono a caccia di una parte della sua fortuna. “Abbiamo ricevuto tra le 600 e le 700 chiamate”, ha spiegato ai media statunitensi Harvey Morse, che si sta occupando dell’eredità della star morta lo scorso 21 aprile.

“C’è chi dice ‘abbiamo vissuto nella stessa zona, per cui dobbiamo essere parenti’, e chi spiega di avere le immagini di Prince alla propria riunione di famiglia”, ha raccontato, precisando che lui farà riferimento solo a “documenti ufficiali come certificati di nascita, matrimonio, divorzio, oppure censimenti”. Ma al momento l’artista di Purple Rain risulta avere solo una sorella, Tyka Nelson, e cinque fratellastri.

Immagine 1 di 8
Immagine 1 di 8

TAG:

PER SAPERNE DI PIU'