Blitz quotidiano
powered by aruba

Springsteen in tour, prezzi stellari: 120 € Milano, 85 Roma

Springsteen tour in Italia a Roma e Milano: fan scatenati su facebook contro il promoter italiano per prezzi giudicati inaccessibili

ROMA – Springsteen in tour in Italia questa estate: il ritorno del Boss è salutato con il solito entusiasmo, ma la comunicazione ufficiale del prezzo dei biglietti ha scatenato una reazione scomposta di molti fan. Se ne è accorto a sue spese il promoter Claudio Trotta di Barley Arts, subissato sulla bacheca Facebook da commenti livorosi e insulti.

Prezzi stellari. I prezzi a San Siro (Milano) per vedere Bruce Springsteen dal vivo vanno dai 120 euro del primo anello rosso numerato agli 85 euro del prato, fino ai 40 euro per il terzo anello non numerato (tutti da calcolare con in più i diritti di prevendita). Per il Circo Massimo il prezzo del biglietto è unico, fissato a 85 euro più i diritti di prevendita.

La risposta del promoter. Molto colpito dal numero e dalla virulenza dei commenti negativi per la questione biglietti, Claudio Trotta ha detto che una risposta più precisa la darà quando saranno resi noti i prezzi dei biglietti nelle altre città europee raggiunte dalla tournée di Springsteen. Per ora ha affidato a un post il suo sconforto per gli attacchi.

Quando saranno pubblicati i prezzi dei biglietti nel resto d’Europa (beh quelli in USA li conoscete già e sono più alti…) risponderò esaurientemente alle critiche relative al loro costo evidenziando per esempio che a Circo Massimo noi stiamo lavorando per nostra precisa volontà con una capienza di 60.000 posti circa 15.000 posti in meno degli Stones, pagando per l’occupazione del suolo pubblico circa 200.000 euro mentre con gli Stones ne sono stati pagati 8.000.

Nel frattempo a chi mi sta augurando una morte lenta e dolorosa auguro una vita lunga e anonima, perché io penso che evidentemente sia questa loro condizione, di cui ovviamente io non ho alcuna responsabilità, a portarli ad esprimersi così pur di avere un poco di visibilità… peccato per loro. (Claudio Trotta, promoter)