Blitz quotidiano
powered by aruba

“Stairway to Heaven non è un plagio”: assolti i Led Zeppelin

NEW YORK – La storia della musica rock e quella dei Led Zeppelin non dovranno essere riscritte. ‘Stairway to Heaven‘, ballata inno di un’intera generazione, non è stata copiata. A mettere la parola fine a un caso che ha tenuto in ansia milioni di apassionati in ogni angolo della Terra è stata la giuria di un tribunale della California, che ha scagionato Robert Plant e Jimmy Page, frontman e chitarrista della leggendaria band, dall’accusa di plagio.

Nel mirino c’era l’introduzione del brano del 1971 divenuto il più famoso dei Led Zeppelin: quel memorabile assolo di chitarra che apre ‘Stairway to Heaven’ e interpretato da Page con la sua celeberrima Gibson EDS 1275 a doppio manico. Secondo il ricorso presentato al tribunale di Los Angeles quell’assolo e’ stato letteralmente ‘rubato’ da un pezzo di un gruppo rock della scena losangelina della fine degli anni ’60, gli Spirit, che tre anni prima di ‘Stairway to Heaven’ avevano composto ‘Taurus’.

A intentare la causa era stato Michael Skidmore, trustee del chitarrista degli Spirit Randy California, morto nel 1997. Così il giudice Gary Klausner del Distretto centrale della California aveva rinviato a giudizio Plant, 67 anni, e Page, 72 anni, di fronte alle prove presentate dagli avvocati dell’autore di ‘Taurus’.

“Nonostante sia vero che la progressione cromatica discendente di quattro accordi è uno schema comune che abbonda in campo musicale, le similitudini qui trascendono la struttura in se'”, spiegò il magistrato. “Per esempio, la linea discendente del basso appare all’inizio di entrambe le canzoni”, aggiunse, parlando di somiglianze “sostanziali” nei primi due minuti dei brani, che rappresentano probabilmente i segmenti più riconoscibili e importanti”. Ma la giuria chiamata ad esprimere un verdetto non è stata d’accordo.

E dopo ben cinque ore di camera di consiglio ha assolto i due leader dei Led Zeppelin da ogni capo di accusa, a partire da quello di violazione del copyright. “La prima volta che ho ascoltato ‘Taurus’ è stato due anni fa”, si era difeso Page ascoltato durante il processo, definendo le accuse “ridicole”. E in una dichiarazione comune Page e Plant ringraziano tutti i loro fan auspicando di lasciarsi alle spalle tutte le questioni legali degli ultimi anni.


PER SAPERNE DI PIU'