Blitz quotidiano
powered by aruba

Berlusconi vegetariano smuove sondaggi elettorali. Davvero?

La foto di di Alessandro Camilli

Leggi tutti gli articoli di Alessandro Camilli

MILANO -Berlusconi neo vegetariano smuove i sondaggi, più dei successi del Milan. In arrivo voti veg? Ma davvero..?

“Mi si nota di più se vengo e sto in disparte, o se non vengo?”. Ha più appeal elettorale chi si mangia un italianissimo ragù o chi preferisce una dieta vegetariana? Secondo la sondaggista di riferimento di Silvio Berlusconi, per quanto incredibile, la svolta veg del Cavaliere potrebbe pagare in termini di gradimento elettorale e quindi di voti.

Tommaso Labate sul Corriere della Sera è stato il primo, qualche giorno fa, a raccontare del nuovo passo dell’ex premier sulla strada dell’amore per gli animali, la natura e il creato. Dopo Dudù e famiglia il Cavaliere si sarebbe infatti interrogato nel profondo: “Da quando ho letto delle sofferenze degli animali che viaggiano verso il macello, e quindi verso la morte, m’è passata la voglia di mangiare carne. Posso farne a meno, della carne. E lo farò. Stiamo parlando di creature meravigliose. Come si fa a ucciderle? Come si fa a mangiarle?”.

“All’alba dell’ottantesimo anno della sua presenza su questa terra, insomma, l’ex presidente del Consiglio sarebbe diventato vegetariano – scriveva Labate -. Scegliere di diventare vegetariani vuol dire intraprendere un cammino; questo sentiero, Berlusconi, l’avrebbe imboccato nell’ultimo periodo. Lasciando finora dietro di sé qualche traccia. La prima, alla presentazione della candidatura milanese di Stefano Parisi, quando ha infilato tra i ‘sette punti capisaldi di Forza Italia’ proprio ‘la difesa degli animali e dell’ambiente’, predisposta — con tanto di road map — da Michela Vittoria Brambilla. La seconda giovedì scorso, quando nel bel mezzo della riunione coi coordinatori regionali del partito s’è lasciato sfuggire che ‘m’è passata la voglia di mangiare carne’. E la terza negli ultimi giorni, quando avrebbe dato indicazione, rispetto a precise domande della cucina di Arcore (‘Ma col ragù come ci dobbiamo regolare, adesso?’), di evitare di ‘fare il ragù usando la carne’”.

E colpo di scena, o forse no penseranno i maligni, la svolta sembra piacere. “Incredibile quanto questa storia del Berlusconi vegetariano sia diventata virale. Incredibile…”, il commento di Alessandra Ghisleri, la succitata sondaggista di riferimento di Berlusconi. “Lavorando con Berlusconi da anni – spiega la Ghisleri -, so perfettamente che le vicende del Milan incidono tantissimo sulla popolarità del suo presidente. Eppure, da quello che vedo, la notizia del Berlusconi vegetariano è stata molto, ma molto più virale di tutte le iniziative, le interviste e le notizie sulla celebrazione del trentesimo anno di presidenza berlusconiana del Milan, di cui si è molto parlato negli ultimi giorni…”.

Stranezze della Rete dove, si sa, i ‘click’ seguono logiche diverse da quelle valide nel mondo fisico. Vero, ma sino ad un certo punto. Perché il Berlusconi veg è ancor più piaciuto all’estero, dove l’ex cavaliere è finito una volta tanto sui giornali non per uno dei molti scandali che lo hanno visto protagonista, ma come attore di una storia positiva. “Silvio Berlusconi has become a vegeterian”, titolava in home page The Independent.

Pagherà realmente in termini di voti la svolta, supposto che svolta ci sia stata davvero, perché il diretto interessato al momento non ha né smentito né confermato la sua ipotetica decisione, o quello della Rete, dei social e dei media esteri sarà stato solo un’innamoramento passeggero? Su Libero la decisione di Berlusconi veniva applaudita dal 60% dei lettori, e la rossa Michela Vittoria Brambilla, paladina forzista dei diritti degli animali è già in sollucchero. Per il resto, si vedrà…