Opinioni

Flat tax, tassa con aliquota unica al 25%, se Renzi vuole vincere le elezioni

Flat tax, tassa con aliquota unica al 25%, se Renzi vuole vincere le elezioni
Flat tax, tassa con aliquota unica al 25%, se Renzi vuole vincere le elezioni

Flat tax, tassa con aliquota unica al 25%, se Renzi vuole vincere le elezioni (nella foto Ansa, Nicola Rossi)

Se vuole vincere le elezioni, Matteo Renzi deve proporre la flat tax, la aliquota unica al 25% uguale per tutti. Questa è la rivoluzione che tanti si aspettano da lui, scrive Giuseppe Turani in questo articolo pubblicato anche su Uomini & Business.

Con tutta la buona volontà del mondo è difficile, se non impossibile, capire cosa abbiano in testa Bersani & C., cioè quelli di “Articolo 1”. Come regola dicono “No” a qualunque proposta arrivi dal Pd di Renzi. E spiegano che in realtà perché si possa riaprire un dialogo a sinistra se ne deve andare Renzi. Hanno persino mandato a quel paese il buono e mite Giuliano Pisapia, che raccomandava solo un po’ di civiltà nei rapporti fra ex-compagni. Lo hanno accusato, e qui siamo al ridicolo, di aver salutato troppo affettuosamente a una festa dell’Unità Maria Elena Boschi.

Niente da fare. Bersani & C. vogliono la testa di Renzi, via dal Pd, via anche dall’Italia magari. Nella loro furia omicida non si rendono conto che, ammesso che si possa cacciare Renzi, alla fine erediterebbero non un partito, ma un ammasso di macerie politiche, visto che il 70 per cento aveva votato appunto per Renzi (“Ce lo siamo andati a riprendere a casa”).

Ma la politica fa di questi scherzi. Persone normali di colpo diventano invasati che inseguono obiettivi catastrofici per sé e per gli altri.

In compenso, mentre questi di Articolo 1, danno i numeri, Renzi, approfittando anche delle vacanze, sta un po’ zitto e fuori dalle polemiche. Una pausa salutare. In luglio aveva occupato la scena politica più di quanto Wanda Osiris abbia fatto a teatro.

I suoi fan, e lui stesso, sostengono che alle prossime elezioni (probabilmente marzo 2018) il Pd possa prendere il 40 per cento e quindi il premio di maggioranza, e governare indisturbato per i successivi cinque anni.

Su cosa si basa questa fiducia? Su un solo elemento: il crollo verticale dei Cinque stelle, ormai logori e divisi al loro interno, incapaci di mantenere una sola delle promesse fatte e quasi sfasciati sul piano organizzativo. Ormai li regge solo l’abilità istrionica di Beppe Grillo, che infatti spadroneggia, combinando però solo disastri.

Renzi, dicono i suoi amici, sta preparando la conferenza programmatica. E questa è una buona cosa. Ma, da quello che si sente, non ci sono ancora idee brillanti, di rottura, capaci di impressionare la gente. Si tratta, purtroppo, un po’ delle solite cose, con l’aggravante che si sente sempre un po’ l’odore del grillismo: lotta ai vitalizi (già aboliti, ma si vuole bastonare anche quelli vecchi), limiti agli stipendi pubblici, assunzioni a tutto spiano, bonus a destra e a sinistra. Il tutto nel quadro di un disavanzo da alzare, e non da abbassare.

I suoi fan si metteranno a urlare, ma tutto ciò è molto sbagliato: è quello che si è fatto negli ultimi quarant’anni. E ci ha portato sull’orlo della catastrofe.

Ma allora che cosa potrebbe fare il Pd di Renzi? Una mossa c’è, e sarebbe corretta e porterebbe al Pd i voti anche dei ceti medi: la flat tax. Un’imposta unica al 25 per cento.

Il progetto, con i relativi calcoli, è già tutto pronto. E’ stato elaborato da Nicola Rossi, economista fra i più stimati, uomo di sinistra, e dall’istituto Bruno Leoni, di cui è presidente. Si tratta ci una rivoluzione fiscale che può rimettere in moto davvero il paese, comportando una forte riduzione delle imposte e anche della spesa pubblica.

Spiegare di cosa si tratti in dettaglio è troppo complesso. Ma chi vuole può trovare tutto sul sito dell’Istituto Bruno Leoni.

I suoi fan e molti italiani amano Renzi perché ha promesso delle rivoluzioni. Quella fiscale è la più importante e vitale per il paese.

Telefoni a Gentiloni, convochi Nicola Rossi e faccia questa rivoluzione. Ormai è ora.

 

 

To Top