Blitz quotidiano
powered by aruba

Pensioni giornalisti, ministero dice: diritti non si toccano

Il ministero del Lavoro, nel linguaggio cauto della burocrazia, critica la riforma Inpgi, previdenza giornalisti: i diritti acquisiti non si toccano

La foto di di Franco Abruzzo

Leggi tutti gli articoli di Franco Abruzzo

ROMA – Pensioni dei giornalisti e riforma Inpgi. Franco Abruzzo ha pubblicato questo articolo anche sul suo blog col titolo:

PREVIDENZA DEI GIORNALISTI – IL MINISTERO DEL LAVORO: “LA RIFORMA DELL’INPGI VA CORRETTA”.

La valutazione del Ministero del Lavoro sulla riforma di Inpgi, Istituto di Previdenza dei giornalisti italiani, varata dallo stesso Inpgi nel luglio 2015, è stata trasmessa per il concerto al ministero dell’Economia: “Si ritiene che la delibera del Cda, nella sua attuale formulazione, non possa avere ulteriore corso. L’Istituto dovrà essere perentoriamente invitato ad adottare, urgentemente e comunque entro il 2016, tenuto anche contro dell’imminente rinnovo delle cariche, un provvedimento di riforma radicale che metta definitivamente in sicurezza la gestione”.

Il ministero fa salvi alcuni punti della riforma che dovrebbero entrare in vigore dal 1° gennaio, tra cui l’innalzamento dell’aliquota contributiva e la modifica dell’aliquota di rendimento sui montanti contributivi, a condizione che sia contenuta al 2 per cento.

“NON SI PUÒ INCIDERE SULLE PENSIONI IN ESSERE CON UN ATTO NON AVENTE FORZA DI LEGGE”.

Appello ai ministri Giuliano Poletti e Piercarlo Padoan:

“Per favore fate in fretta, la situazione dell’Istituto è drammatica”.

Riporto qui, per maggiori dettagli, l’articolo di Vitaliano D’Angerio sul Sole 24 Ore del 9 gennaio 2016 sul tema delle pensioni dei giornalisti e delle osservazioni del ministero:

Il ministero del Lavoro boccia la riforma della Cassa di previdenza dei giornalisti (Inpgi). È quanto emerge da un documento inviato, prima di Natale, dal dicastero guidato da Giuliano Poletti al ministero dell’Economia (Mef).

«Pur ritenendo necessario e improcastinabile modificare l’attuale sistema di tutela sociale di categoria, si ritiene che la delibera del Cda (Inpgi, ndr) 24/2015, nella sua attuale formulazione, non possa avere ulteriore corso».

E ancora: «L’Istituto dovrà essere perentoriamente invitato ad adottare, urgentemente e comunque entro il 2016, tenuto anche contro dell’imminente rinnovo delle cariche, un provvedimento di riforma radicale che metta definitivamente in sicurezza la gestione».

Queste le considerazioni finali della direzione per le politiche previdenziali del ministero del Lavoro, dicastero che assieme al Mef vigila sulle Casse.
Dal ministero fanno sapere però che non c’è alcuna decisione definitiva ed è in corso «un’attività istruttoria»; nello specifico, il documento inviato al Mef rientra appunto nel confronto fra ministeri vigilanti. Anche da ambienti vicini al Mef viene confermato che si è in una fase interlocutoria e che il ministero guidato da Pier Carlo Padoan sta raccogliendo ulteriori informazioni per valutare la sostenibilità della riforma Inpgi sul lungo periodo.

I toni della nota inviata dal Lavoro non sono però concilianti. Anzi. Viene sottolineata la «complessa situazione in cui versa l’Istituto che non supera la propria situazione di squilibrio anche in esito alle disposizioni adottate con la delibera in oggetto». Fra le contromisure richieste dal ministero c’è «il passaggio al sistema di calcolo contributivo pro-rata dei trattamenti pensionistici con l’individuazione di un massimale reddituale mirato a contenere gli impegni pensionistici differiti, o quanto meno di un sistema di calcolo retributivo allineato con i requisiti del sistema pubblico».

Il ministero del Lavoro chiede molta cautela sul «contributo straordinario» dei pensionati:

«Si ritiene di porre in evidenza, sotto un profilo di legittimità, che, in quanto imposto da un atto non avente forza di legge che incide su pensioni già maturate e in pagamento (c.d. diritti acquisiti) nonché al di sotto della soglia di salvaguardia posta dall’attuale normativa (14 volte il trattamento minimo Inps), espone l’Ente a un probabile contenzioso dagli esiti molto incerti».

Ciò anche alla luce di numerose pronunce contrarie dei giudici, viene rilevato. «Pertanto tale particolare misura potrebbe comportare per l’Inpgi, in definitiva, addirittura maggiori oneri nel prossimo futuro a fronte di disponibilità, nell’immediato, peraltro presumibilmente esigue».

Il ministero, comunque, fa salvi alcuni punti della riforma che dovrebbero entrare in vigore dal 1° gennaio, tra cui l’innalzamento dell’aliquota contributiva e la modifica dell’aliquota di rendimento sui montanti contributivi, a condizione che sia contenuta al 2 per cento.
Nessun commento da Inpgi sulla nota del ministero. La Cassa non entra nel confronto fra ministeri e dirà la sua soltanto in occasione della decisione ufficiale sulla riforma.
==============
I DATI TECNICI
01 LE RICHIESTE. Nel documento del ministero del Lavoro, oltre alla richiesta dell’introduzione del sistema contributivo pro-rata, vengono inserite ulteriori indicazioni per l’Inpgi. Tra queste l’ adeguamento dei requisiti di accesso agli istituti previdenziali di categoria a quelli previsti dal sistema generale, con gli stessi meccanismi di adeguamento dinamico. E ancora: l’ adeguamento dell’ aliquota di rendimento per il calcolo del trattamento pensionistico a quella vigente nel sistema generale (2%)
02 COSA VIENE SALVATO. Dalla riforma della Cassa di previdenza dei giornalisti, il ministero del Lavoro fa salve alcune misure che dovrebbero entrare in vigore dal 1° gennaio 2016.  Le più rilevanti sono l’ innalzamento dell’aliquota contributiva (+ 0,50, ndr) e la modifica dell’aliquota di rendimento sui montanti contributivi, a condizione che sia contenuta al 2 per cento
03 SIMULAZIONE. Nella nota del ministero del Lavoro viene evidenziato che è stato acquisito dall’ Inpgi il 9 novembre 2015 (protocollo ministero del Lavoro n. 16876), relativamente alle stime attuariali, «un ulteriore esercizio di simulazione» (tasso di rendimento del patrimonio pari al 3% nominale in luogo del 4,6%).


PER SAPERNE DI PIU'