Blitz quotidiano
powered by aruba

Mafia, Dire no scorta a Saviano e Capacchione è isolarli e..

La foto di di Giuseppe Giulietti

Leggi tutti gli articoli di Giuseppe Giulietti

Il diritto di critica puó e deve essere esercitato contro chiunque, senza eccezione alcuna, altrimenti non sarebbe tale.

Nella categoria dei crticabili rientra ovviamente anche Roberto Saviano.

I suoi libri, i suoi articoli, le sue apparizioni in tv, le sue esternazioni possono piacere o meno e raccogliere consensi e dissensi, come puntualmente accade.

Altra cosa invece é trasformare il dissenso in odio e tentare di delegittimare Lui e gli altri cronisti che tentano di contrastare mafie, camorre, malaffare.

Quel senatore di provata fede verdiniana che si chiama Vincenzo D’Anna e che chiede la revoca della scorta che “blinda” le vite di Saviano e della giornalista Rosaria Capacchione, oggi senatrice  del Pd, é qualcosa che va decisamente oltre il diritto alla critica.

Quelle scorte sono state assegnate dalle Autorità dello Stato sulla base di relazioni che non lasciavano spazio a dubbi: Saviano e Capacchione erano e sono nel nel mirino, e non solo simbolico, della camorra.

Delegittimarli significa anche isolarli, colpire la loro serietá professionale per tentare di minare la credibilitá delle loro inchieste e quelle dei pochi cronisti che non hanno rinunciato ad “Illuminare” le periferie del .

Non contento il senatore verdiniano ha rincarato la dose e ha tuonato contro quelli che fanno i soldi scrivendo sulla camorra.

Non so quanto abbiano messo in banca coloro che hanno il “Vizio” di rompere le scatole alla camorra e ai suoi protettori, ma sicuramente sarebbe interessante sapere quanto abbiano accumulato coloro che con la camorra hanno fatto affari e guadagnato consensi elettorali.

Leonardo Sciascia, in altre stagioni e in altri contesti, denunciava i guasti provocati da quelli che soleva definire i “Professionisti dell’antimafia”, ora sará il caso di tornare ad occuparsi di quelli che non hanno mai smesso di essere in servizio permanente effettivo: i professionisti delle anti anti mafie.

Ogni riferimento alle vicende di questi giorni è puramente casuale, come si usava scrivere nei titoli di coda dei primi film dedicati alla mafia!