Blitz quotidiano
powered by aruba

Per Giulio Regeni Verità e Giustizia: chiarezza a ogni costo

La foto di di Giuseppe Giulietti

Leggi tutti gli articoli di Giuseppe Giulietti

ROMA – Ho una grande “ammirazione” per coloro che di fronte all’assassinio di Giulio Regeni, il giovane ammazzato in Egitto, hanno già in tasca le risposte e le verità e riescono persino a trasformare una tragedia in una occasione per acchiappare voti, per schierarsi pro o contro Renzi.

Non vi è dubbio che questa drammatica vicenda si intreccerà con i rapporti tra Egitto e Italia, con le relazioni commerciali tra i due paesi, con le alleanze internazionali, chiunque finga di non saperlo è solo un ipocrita.

Proprio per questo le dure parole pronunciate dal ministro Paolo Gentiloni e dalla nostra rappresentanza diplomatica non possono e non debbono essere sottovalutate.

La richiesta di fare chiarezza, la denuncia delle contraddizioni e delle bugie e dei depistaggi, possono e debbono essere una sorta di piattaforma comune per chiunque voglia davvero continuare a chiedere ” Verità e Giustizia” per Giulio Regeni.

Un compito particolare spetterà ai giornalisti, alle loro organizzazioni, a quanti abbiano a cuore i valori dell’articolo 21 della Costituzione.

Giulio Regeni, infatti, era un giovane curioso di conoscere il mondo, di apprezzare diversità e differenze e di raccontarle, anche attraverso le sue inchieste pubblicate dal Manifesto.

Forse in quelle cronache potrebbero nascondersi le ragioni che hanno scatenato la furia dei suoi assassini.

Perche non provare a ripercorrere quei sentieri e tornare, con altre inchieste ed altre narrazioni, sui suoi passi?

Perché non ridare voce alle sue denunce, inviando sul posto i migliori giornalisti di inchiesta ed “illuminando” a giorno le periferie del e della violazione dei diritti civili e politici?

Perché non ripubblicare, tutti assieme, sui nostri siti le sue ultime cronache egiziane?

Sarebbe un modo, civile e tenace, per far comprendere alle Autorità, egiziane ed italiane, che per noi il caso non è chiuso e che le ragioni delle alleanze internazionali non possono prevale sul rispetto della dignità degli esseri umani, qualunque sia il colore della pelle, la fede religiosa  le opinioni politiche.

 

 


PER SAPERNE DI PIU'