Blitz quotidiano
powered by aruba

“Salvini mai lavorato in vita sua”. Giudice: non è calunnia

La foto di di Lucio Fero

Leggi tutti gli articoli di Lucio Fero

ROMA – Salvini Matteo, leader della Lega Nord, leader in pectore della destra italiana, forte nei sondaggi, presentissimo in televisione…Ha un sacco di cose da fare Matteo Salvini e fa un sacco di cose. Però se scrivi o dici che “non ha mai lavorato in vita sua” e lui quindi ti querela sentendosi diffamato c’è pronta in risposta l’archiviazione della querela disposta dal Gip in quel di Bergamo. Querela archiviata, quindi non c’è calunnia secondo il magistrato nel dire che “Salvini non ha mai lavorato in vita sua”.

E perché non c’è calunnia? Perché, si legge più o meno nel dispositivo di archiviazione, Salvini euro deputato a Bruxelles era per unanime riconoscimento (lui stesso compreso) tra i più assenti ai lavori del Parlamento Europeo. E perché quando Salvini era responsabile e manager de La Padania, giornale leghista, è pacifico e documentato come la testata e l’azienda editoriale siano stati tenuti in vita solo con l’ossigeno dei soldi pubblici. Venuto meno il quale, addio La Padania. Quindi nessun lavoro e fatica veri di Salvini a La Padania, solo incarico distintivo…

Singolare la scelta del magistrato e singolari le sue argomentazioni. A tutte si può opporre che Matteo Salvini, se pure non ha mai svolto “lavoro” in senso professionalmente documentabile, da tempo e sotto gli occhi di tutti ha svolto e svolge lavoro politica. La politica è il lavoro di Salvini. E questa incontestabile argomentazione dovrebbe sbaragliare tutte le altre.

Però, però…chi di disprezzo ferisce, il disprezzo gli orna indietro come boomerang. A nostro modestissimo avviso e fuori da ogni competenza giuridica e solo a naso e buon senso e senso di giustizia quel magistrato si sbaglia. Il lavoro della politica è lavoro e non è vero che un politico è uno che non ha mai lavorato davvero in vita sua. Il primo a sostenere questa tesi, con grande successo di pubblico, fu Silvio Berlusconi. Anni dopo l’argomento è trasmigrato alla grande in parole e pensieri M5S: la Casta è fatta di gente che non lavora davvero.

E lo stesso Salvini, lui proprio lui, non si è risparmiato nell’indicare gli avversari politici, Renzi in testa, come gente che non ha mai lavorato in vita loro. Se fai politica vuol dire che non ha mai lavorato in vita tua è obiettivamente un’offesa, forse non vale una querela, ma offesa è e resta. Offesa che si basa e si nutre dell’idea grossolana che il lavoro della politica e quindi della amministrazione della cosa pubblica non sia lavoro né vero né rispettabile. Ancillare di questa idea in fondo malsana è quella nutrita da parte della magistratura secondo la quale la politica è di per sé criminogena…

Così pian piano abbiamo più o meno tutti assorbito e legittimato il pensare e il dire: fa il politico, cioè non ha mai lavorato in vita sua…Sbagliato ma capita, eccome se capita, che chi semina vento raccolga tempesta. Parafrasando una vecchia e mai smentita regola dei rapporti umani, per quanto sei e fai il populista, ci sarà sempre uno più populista di te.