Blitz quotidiano
powered by aruba

Vincenzo Paduano: “Ho paura”. Purtroppo ha poco da temere

La foto di di Lucio Fero

Leggi tutti gli articoli di Lucio Fero

ROMA – Vincenzo Paduano dal carcere in qualche modo produce e fa produrre sui giornali il titolo: “Ho paura”. Cui aggiunge, e non sorprende, la rituale giustificazione/esimente: “E’ stato un momento”. Un momento, il classico raptus quello che lo ha indotto a dare fuoco a Sara Di Pietrantonio. Un momento, un momento di follia. Ma quale follia! Non c’è nessuna follia in queste dichiarazioni, c’è lucidità e progetto. Così come lucidità e progetto c’è spesso nella violenza e nell’omicidio di maschi nei confronti delle donne che li abbandonano.

Non sono folli, ragionano. Ragionava Vincenzo quando applicava app al telefono di Sara per pedinarla, quando la minacciava con sms, quando ha preparato l’agguato speronando l’auto, quando si è procurato e ha portato con sé l’alcool da gettare sulla ragazza. E probabilmente ha ragionato anche su quanto tutto questo gli sarebbe costato in termini di carcerazione, punizione. Se non lo ha fatto, è indubbio però che il maschio che picchia e arriva a uccidere in qualche modo sa che la giustizia sarà di fatto indulgente con lui. La riprovazione sociale per il maschio che uccide la “sua” donna è oggi ufficialmente totale e pubblica. Ma svanisce in fretta, evapora dl passaggio dai telegiornali ai Tribunali.

La teoria del raptus, un buon avvocato, sconti di pena, buona condotta…non sarà tanta la galera per Vincenzo. Purtroppo ha poco da temere in relazione al tanto, troppo, del suo . Può perfino permettersi di atteggiarsi a vittima di un momento di follia e a bersaglio della ritorsione non si sa bene di chi. Può perfino recitare la parte del bamboccione preda dei suoi istinti che inconsapevolmente ammazza.

Ma non è vero, non sono pazzi e folli questi uomini che vogliono distruggere la “cosa donna” se questa non gli appartiene più. Sono troppi per essere pazzi. Sono maledettamente normali, infatti come ricorda la mamma di Sara normalmente parlano e si comportano mentre covano la punizione alla donna. Sono maledettamente normali, non è da escludere mettano nel conto di cavarsela con poca galera. Sarebbe ora che giudici e Tribunali comunicassero loro di mettere nel conto di non uscirne più di galera o di uscirne solo da vecchi, molto vecchi. Fossero i troppi Vincenzo obbligati a far di questo conto, avremmo qualche Sara bruciata viva in meno.