Marco Benedetto

YOUTUBE Italia in ripresa, recessione addio… perchè nessuno ne parla?

YOUTUBE Italia in ripresa, recessione addio... perchè nessuno ne parla? (Marco Benedetto)

YOUTUBE Italia in ripresa, recessione addio… perchè nessuno ne parla? (Marco Benedetto)

ROMA – Se l’Italia fosse una famiglia di gente normale, la fine della recessione e l’inizio di un periodo di crescita, non si sa quanto lungo, equivalente di un aumento di stipendio per mamma o papà, sarebbe salutato in gioia da grandi e piccini, magari anche celebrato con una serata extra in pizzeria.

Poi comincerebbero a discutere sulle spese che potranno fare e quanto dovranno mettere da parte che non si sa mai. Così accade anche in Italia su cui incombe la tagliola del fiscal compact e le spese da fare sono tante. Ma tutto è fatto in sordina come se ci fosse da vergognarsi come se fosse preferibile nascondere il ritrovato benessere rispetto a dire: c’è l’abbiamo fatta.

Non sembra bello dire che quel bullo di Renzi aveva ragione e che anche se non è tutto merito suo e che molto dipende dalla congiuntura mondiale, be’, visto come andavano le cose in mano a quella gente di prima che non oso nemmeno nominare, avete voglia a dire ma il pil sale, l’occupazione cresce, anche i consumi riprendono e la pubblicità.

Certo c’è il Sud in eterno arretrato – ma sarà sempre così- o emigrate o vivrete di sussidi se non sarete capaci di inventarvi lavori in cui la distanza dai mercati non conti. Certo ci sono i giovani ma quelli li avete rovinati voi col vostro farneticar di diritti e ora nessuno li vuole se non a fare i camerieri.

Certo ci sono i poveri, 2 milioni 4 milioni secondo chi parla e spara numeri. Ma ogni volta che leggo un comunicato della Guardia di Finanza mi domando quanti di questi poveri siano solo evasori più o meno totali. Forse Gentiloni, Renzi e soci stanno zitti per evitare assalti alla diligenza, redditi di cittadinanza o scemenze simili. Sanno che tra qualche mese dovranno

Infliggerci una memorabile stangata e soldi da spendere c’è c’è sono pochi. Se è così c’è da preoccuparsi. Anche se sono gente seria, che non esagera: cosa verosimile per Gentiloni o Padoan un po’ meno per Renzi. Allora i casi sono due: o Renzi è tanto furioso che non legge e non sa, oppure siamo messi tanto male che anche lui preferisce rinunciare a questa pur modesta gloria.

To Top