Riccardo Galli

Corea del Nord: i piani di attacco di Trump. Ma rischia Seoul bombardata

Corea del Nord: i piani di attacco di Trump. Ma rischia Seoul bombardata

Corea del Nord: i piani di attacco di Trump. Ma rischia Seoul bombardata

NEW YORK – Un piano c’è, ma presenterebbe un conto salatissimo. Non è difficile immaginare che ‘The  Donald’ gliela farebbe volentieri vedere lui a quel dittatore di Kim Jong-un se solo potesse. Ma se i piani  di attacco sono già pronti e in mano al presidente Usa, il rovescio della medaglia è che porre fine alla  dittatura di Pyongyang con la forza costerebbe nella migliore delle ipotesi decine di migliaia di vite umane. In gran parte sudcoreane.  Conoscendo il carattere del personaggio così non esattamente propenso alla mediazione che è diventato il  45esimo presidente degli Stati Uniti, quasi stupisce la pazienza mostrata da Trump al di fuori di twitter  nei confronti della Corea del Nord. In fondo Pyongyang da quando l’ex immobiliarista è entrato alla Casa  Bianca ha fatto un salto di qualità nella sua pericolosità unendo alla retorica i missili. Eppure ‘The  Donald’, al di là di qualche esercitazione militare e sfoggio di muscoli da lontano, non ha sostanzialmente  reagito. Questo non perché non voglia, ma perché non può.  I suoi generali, e in particolare il generale Vincent Brooks, comandante delle forze Usa a Seul, hanno  parlato di “autocontrollo, che è una scelta, e l’unica cosa che separa l’armistizio dalla guerra”.

Chiaro  riferimento al fatto che tra Washington e Pyongyang vige solo un cessate il fuoco dopo la guerra del  1950-1953 scatenata da Kim Il Sung, fondatore della dinastia nordcoreana e nonno di Kim Jong-un, e  altrettanto chiaro riferimento al fatto che quell’autocontrollo ha una misura precisa.  Seppur gli Stati Uniti e gli alleati sudcoreani hanno infatti una superiorità militare schiacciante e gli Usa  potrebbero lanciare una pioggia di missili da crociera, da navi e sottomarini, non riuscirebbero comunque  a distruggere la potenza di fuoco di Pyongyang prima che questa colpisca per rappresaglia i due più  immediati vicini e alleati di Washington: Seoul e Tokyo. La capitale della Sud Corea è a 40 km circa dal  38° parallelo, linea di confine con la Nordcorea, dove sono schierati circa 13.600 tra cannoni e sistemi  lanciarazzi di Pyongyang.

“È stato calcolato che con una cadenza di cinque colpi al minuto per pezzo,  sulla capitale sudcoreana pioverebbero 1.000 tonnellate di esplosivo ogni 60 secondi – riporta Guido  Santevecchi sul Corriere della Sera -. In un quarto d’ora si arriverebbe all’equivalente della Bomba di  Hiroshima. Nell’area di Seul vivono 25 milioni di persone: ci sarebbero 2.811 morti alla prima scarica, 64  mila il primo giorno, dicono proiezioni fredde e spietate. Ma realistiche. Oltretutto, uno strike ‘di  precisione’ americano non avrebbe alcuna certezza di riuscire ad annientare le postazioni missilistiche  nemiche. I nordcoreani ora usano lanciatori mobili: lo Hwasong-14, a giudicare dalle foto diffuse da  Pyongyang, era collocato su un veicolo di fabbricazione cinese che si può spostare in continuazione  rendendo difficilissima l’individuazione”.

Senza contare che Pyongyang dovrebbe avere a disposizione anche arsenali chimici e biologici e almeno  una dozzina di bombe nucleari e missili che, prima ancora del recente test di ordigni intercontinentali alla  radice dell’ultima escalation della tensione, potrebbero raggiungere non solo la Corea del Sud ma anche il  Giappone. Con lanci multipli che potrebbero essere difficili da intercettare completamente anche per i  sofisticati sistemi di difesa anti-missilistica americani.  Vista la situazione anche un carattere focoso come quello del presidente Usa punta quindi ancora sulla via  della mediazione, pungolando la Cina nella speranza che questa riesca a risolvere un problema gravido di  potenzialmente tragiche conseguenze. Pechino per ora, insieme a Mosca, condanna la politica di Kim  Jong-un e i suoi lanci ma è recalcitrate a imporre sanzioni o peggio.  E allora, quali sono le alternative se la via del dialogo non funziona e se l’opzione militare è  impraticabile? Sostanzialmente due: l’eliminazione di Kim Jong-un o il rovesciamento completo della  politica Usa nella regione.

San raffaele

Per la prima delle due ipotesi, che nella storia a stelle e strisce ha avuto esiti  altalenanti, Seul ha organizzato una brigata di circa duemila uomini che si addestrano a questo compito.  Mentre gli americani hanno imbarcato sulla portaerei Carl Vinson, che in primavera ha pattugliato la  costa della penisola, lo stesso team dei Navy Seal che eliminò Osama Bin Laden. Ovvio è che un’azione  del genere, fallendo, aprirebbe di fatto la strada alla guerra. Con il già citato insostenibile costo di vite  umane.  Oppure, come suggerisce il professor Allison di Harvard, accettare il fatto compiuto della potenza  nucleare e missilistica di Kim; conviverci come fece l’America con l’Urss di Stalin e la Cina di Mao (che  non usarono mai quelle armi anche se all’epoca erano considerati dittatori spietati e inaffidabili) e  proporre ai cinesi un cambio di regime a Pyongyang contestuale ad un ritiro delle forze americane dalla  Sud Corea. Costituire poi un gigantesco fondo da centinaia di miliardi di dollari per la riunificazione  coreana con capitale Seul e, aggiungiamo noi, vivere in mondo migliore.

To Top