Blitz quotidiano
powered by aruba

Pensioni: in media 1,4 a testa. Pensionati 16 mln, pensioni 23 mln

La foto di di Riccardo Galli

Leggi tutti gli articoli di Riccardo Galli

ROMA – Pensioni, l’Inps fa i conti e documenta (documenta non scopre perché è così da molti anni) che in media c’è a fine mese 1,4 pensione per ogni pensionato. Di fame moltissime pensioni, sotto i mille euro, ma quasi una e mezza a testa. Quindi la domanda retorico/indignata che tutti ci si fa ad ogni rapporto Inps e cioè quella ma come si fa a campare con mille euro al mese, va riformulata nella domanda ma come  si fa con 1.500 euro al mese.

Carta canta e con i numeri si può anche litigare ma cambiarli no: nel 2015 ogni fine mese Inps ha pagato 23 milioni di assegni pensionistici. Ventitre milioni. E i destinatari degli assegni, i pensionati, sono stati 16 milioni. Sedici milioni di pensionati per 23 milioni di pensioni. Ventritre milioni diviso sedici fa appunto 1,4. Una pensione e mezza a testa a pensionato.

Non c’è trucco e non c’è inganno, quello magari c’è nella lacrima indifferenziata sulle pensioni sotto i mille euro. Di pensioni sotto i mille euro ce ne sono a milioni. Ma di pensionati sotto i mille euro ce n’è molto meno. A parte le pensioni sociali e in qualche modo assistenziali (cioè quelle percepite senza versare contributi) di pensionati sotto i mille euro al mese praticamente non ce ne sono. Il reddito medio pensionistico, conti Inps, cioè quello che il pensionato in carne e ossa intasca a fine mese è intorno ai 18 mila euro lordi annui. . Diciottomila l’anno, 1.500 al mese più o meno.

Mille cinquecento al mese più o meno non è che ci stai largo, anzi ci stati stretto assai. Però questa è la condizione reale dei più tra i 16 milioni di pensionati Inps. Mille cinquecento al mese più o meno sono pensione da stringata sopravvivenza, nulla di più. Ma non da fame. E comunque perché colorare di nero una realtà già grigia, perché trasformare i 1.500 di reddito pensionistico reale in mille al mese e anche meno?

Il perché in realtà si sa: alzi la mano chi in Italia non pensa ci siano pochi soldi per le pensioni. Il 90 per cento di mani alzate. E invece ancora l’anno scorso 280, 2 miliardi per le pensioni, con crescita 1,2 per cento rispetto all’anno prima. In Italia non ci sono pochi soldi per le pensioni, tutt’altro: siamo il paese che per la previdenza spende di più. E’ che ci sono troppe pensioni (23 milioni su circa 55 milioni di abitanti neonati compresi) e per questo spesso ci sono troppo pochi soldi nelle pensioni perché, come diceva proverbio…dividi ricchezza in tantissime parti, diventa povertà.