Riccardo Galli

Trump al telefono: “Messico, ti invado…”. “Australia, ma vaffa…”

Trump al telefono: "Messico, ti invado...". "Australia, ma vaffa..."

Trump al telefono: “Messico, ti invado…”. “Australia, ma vaffa…”

ROMA – Donald Trump al telefono, nel pieno esercizio delle sue funzioni di presidente Usa e nella piena espressione della sua cultura, ideologia, teoria e prassi. Trump al telefono mica con la cognata o un call center o un dipendente o uno che ha sbagliato numero, Trump al telefono, come si conviene, con presidenti e premier di altri paesi e nazioni del mondo.

Trump al telefono con il presidente del Messico Pena Nieto. Ha già avuto modo di dirgli che gli schiaffa un muro di cemento e filo spinato e torrette al confine, un muro anti messicani e che vuole siano i messicani a pagarlo. Perché “hanno approfittato” degli Usa. Trump queste parole gentili e amichevoli al presidente messicano le ha già dette. Nell’ultima telefonata ha cortesemente aggiunto: “Se continuano ad arrivare in Usa bad hombres (Trump mette insiemew due parole, una inglese, l’altra spagnola) ti mando in Messico le truppe”. A prenderlo sul serio una minaccia di intervento militare sul territorio di un’altra nazione sovrana. In fondo gli Usa l’hanno già fatto col Messico più o meno un secolo fa. A prenderlo sul serio…e Trump va preso maledettamente sul serio.

Trump al telefono con il premier australiano Turnbull. “Mi vuoi mandare mille che stanno da te? Ma sono terroristi quelli”. E giù telefono sbattuto. I “terroristi” che secondo Trump l’Australia vuole esportare, anzi sbolognare, negli Usa sono migranti. Ma Trump non si fida della differenza. Lui non vuole “bad hombres” né da sud né da est né da ovest, quindi spedisce vaffa all’Australia, minacce al Messico, bandi all’Islam (non quello ricco però perché Arabia Saudita ad esempio bandita non è).

Non si conoscono e in fondo non è facile immaginare le vere risposte al telefono da parte del presidente messicano o del leader australiano. Sì, Donald va bene, ma calmati? Oppure un come ti permetti? Non sappiamo. Messico e Australia sono due grandi paesi da sempre molto legati e alleati con gli Usa. E Trump li tratta al telefono a pesci in faccia. Siamo curiosi di sapere, quando sarà, della telefonata tra Trump e la Merkel o di quella tra Trump e il premier cinese. Donald the president dirà ancora “ti mando le truppe” parlando con Pechino e sbatterà un vaffa e il telefono in faccia a Berlino?

To Top