Riccardo Galli

Trump: “Ambientalismo fuori controllo…e io sono spesso ambientalista”

Trump: "Ambientalismo fuori controllo...e io sono spesso ambientalista"

Trump: “Ambientalismo fuori controllo…e io sono spesso ambientalista” (foto Ansa)

ROMA – Trump ha tenuto il discorso di insediamento più breve e minaccioso della storia degli Usa. Perfino nella gestualità e nel linguaggio corporeo: mai un sorriso, quasi sempre labbra serrate e dito indice ammonitore. Non era una posa, non era una recita. Trump presidente operativo è partito con entusiasmo veloce alla demolizione di tutto ciò che gli sta sullo stomaco e sente nemico.

Primo: il sistema di assicurazione obbligatoria sanitaria per gli americani. Si chiama (chiamava) Obamacare e già questo lo condanna. Poi testimonia di un’idea che a Trump ripugna, quella che la cosa pubblica, lo Stato insomma imponga qualcosa a qualcuno, fosse anche di assicurarsi contro la malattia. Soprattutto ripugna a Trump (ma anche a decine di milioni di americani) considerare la salute un fatto pubblico e non privato. Quindi subito via allo smontaggio dell’Obamacare. E fin qui…

Poi via gli Usa dal trattato commerciale tra i paesi che si affacciano sul Pacifico (Australia, Giappone, Canada, Messico e un’altra decina). Gli Usa di Trump non fanno accordi e trattati, solo intese bilaterali che garantiscano, parola del presidente, “America first”. E, se America prima, per forza qualcuno dovrà essere secondo o ancora più in giù in classifica. L’America di Trump in materia di commerci impugna il bastone.

Quindi la “grande giornata”, così la battezza, in cui Trump firma lo sblocco dei soldi per costruire il muro con il Messico (ha detto che se li farà poi ridare dai messicani, come?). E poche ore prima lo sblocco degli oleodotti che attraverseranno il paese e la promessa ai costruttori di auto che questa storia dei limiti a consumi ed emissioni è finita, sepolta. Loro, i costruttori, portino posti di lavoro negli Usa e lui cancellerà limiti e abbasserà tasse. (Quando lo fanno i cinesi di fregarsene dell’inquinamento in cambio di fabbriche il resto del pianeta gli diceva incoscienti e quasi criminali. Adesso i cinesi lo fanno meno, ci pensa Trump a farlo in grande stile).

Ma quel che rende meglio l’idea dei giorni che ci aspettano, dei giorni che Trump ci prepara è la sua frase gioviale rivolta agli amministratori delegati delle imprese automobilistiche. Eccola: “L’ambientalismo è fuori controllo…e io sono spesso ambientalista”. Ambientalismo fuori controllo è perfino una graziosa boutade, un gioco di collocazione delle parole e concetti, un gioco d’arguzia. L’ambientalismo che di mestiere e missione accusa e denuncia le variazione climatiche fuori controllo si vede ribaltata la parte in commedia: è lui, l’ambientalismo, il fuori controllo, insomma il fuori di testa.

Ma l’aggiunta con la quale Trump si delizia di ornare la frase, quel…e io sono spesso ambientalista, cioè l’allusione assai compiaciuta dell’essere spesso “fuori controllo”. Il presidente degli Usa gigioneggia politicamente con i suoi ospiti, ammiccando al suoi essere “fuori controllo” intende con tutta evidenza un fuori controllo dalle regole, consuetudini, certezze, modalità, obblighi e tabù di ciò che maggiormente disprezza: la politica, il liberalismo, lo Stato, l’America dei trattati e delle alleanze. Lui, Trump, vuole e pratica l’America del bastone e delle opportunità, in ogni caso l’America non “con” il mondo ma l’America “senza” il mondo.

Io spesso fuori controllo…se lo dice lui bisogna prenderlo sul serio. Lo dice con orgoglio e con la certezza, la voglia matta di mostrarlo al mondo che lui è fuori controllo rispetto alle regole, alle abitudini, ai tabù, agli obblighi di prima. Tra i quali c’era da settanta anni circa la regola, il tabù e l’obbligo di declinare sempre quando possibile il Noi “e” Loro. Trump declina il Noi “senza”, anzi “contro” Loro. Questo presidente Usa prepara, lavora, ama il conflitto, lo scontro. Mai dal 1946 ad oggi alla Casa Bianca c’è stato un presidente meno attento alla pace, sì proprio alla pace.

To Top