Silvia Cirocchi

La Cgil elegge gli ex brigatisti

Cgil-ex-brigatisti

Eugenio Ghignoni

Norberto Gallo, docente di storia e filosofia è stato cacciato dopo appena nove giorni dalla sua elezione a segretario Cgil, scatenando l’ira di trentatré dirigenti scolastici iscritti alla Flc di Napoli, la categoria scuola, che due giorni fa hanno cestinato in massa la tessera sindacale per protestare contro l’«epurazione pretestuosa» di Gallo. Quale sarebbe la colpa di cui si sarebbe macchiato l’ormai ex segretario? Il suo nome era comparso nella locandina di un dibattito, poi mai avvenuto, con il fondatore di Avanguardia Nazionale Stefano Delle Chiaie. In base all’articolo tre dello Statuto che vieta l’iscrizione alla Cgil a chiunque appartenga a «organizzazioni segrete, criminali, logge massoniche, organizzazioni a carattere fascista o razzista, organizzazioni terroristiche», il docente è stato rimosso dall’incarico. Gallo che tra l’altro può vantare un curriculum tutt’altro che di destra. Dalla militanza al Pci a quella in rifondazione comunista.

Ma ora arriva la parte interessante, lo stesso gallo a il Mattino rilascia una intervista in cui denuncia la disparità di trattamento rispetto al segretario della Flc di Roma Eugenio Ghignoni, un ex brigatista mai pentito condannato prima all’ergastolo e poi con una pena ridotta a quattro anni. Condannato nel processo Moro.

Nel documento gli insegnanti a sostegno di Gallo scrivono: «Si è trattato di un modo per far fuori un segretario scomodo e non allineato con la nuova linea filogovernativa del nazionale. L’uso, quello sì fascista, di sistemi degni del peggior regime autoritario da parte della Cgil contro le posizioni “non allineate” di Gallo.»

Gallo dal canto suo minaccia provvedimenti legali: «Andrò fino in fondo, anche solo per ottenere il risarcimento dei danni di immagine. Per un gioco politico sono stato fatto fuori, nonostante fossi stato regolarmente eletto. Questo solo perché la penso diversamente dagli alti dirigenti. Mi hanno fatto passare per un simpatizzante del fascismo quando invece i metodi totalitari e della dittatura sono stati praticati contro di me all’interno del sindacato».

Due pesi e due misure.

To Top