Blitz quotidiano
powered by aruba

Urbano Cairo, la difficile scalata a Rcs-Corriere della Sera

ROMA – Giuseppe Turani ha pubblicato questo articolo su “Uomini & Business” con il titolo “Cairo corre in Salita”.

La scalata di Urbano Cairo, editore della 7, alla Rcs-Corriere della Sera si sta complicando. I fatti (o i supposti fatti) messi in fila sono questi:

1- Il consiglio di amministrazione della Rcs, conosciuta l’offerta, ha subito protestato. Non è  stata concordata con noi (modo elegante per dire che è un offerta ostile). Ma soprattutto le condizioni offerte sono troppo basse. Insomma, Cairo vuole portarsi via la Rcs-Corriere della sera in cambio di un po’ di carta del suo gruppo. Troppo facile e troppo poco.

2- Diego della Valle, forte azioni di Rcs, con oltre il 7 per cento, ha fatto i suoi complimenti a Cairo. Ma, per quanto lo riguarda, ha affermato di essere, eventualmente, compratore di azioni Rcs e non  venditore. E ha riconfermato piena fiducia nel consiglio di amministrazione in carica. In parole semplici, un no secco e definitivo.

3- Si sparge allora la voce, fra le corbeilles di Borsa, che in soccorso a Cairo starebbero arrivando i francesi di Le Monde e di Le Figaro, visto che si tratta di un affare. L’offerta i Cairo per Rcs, a questo punto, verrebbe spostata un po’ verso l’alto, cioè aumentata. Cairo pagherebbe un po’ di più. Sempre carta contro carta. Soldi non ne girano.

4- Infine fra le diverse voci va registrata anche quella che vorrebbe Mediobanca al lavoro su una maxi concentrazione giornalistica-editoriale che lascerebbe a piedi Urbano Cairo. L’idea circolava danni, ma la mossa di Cairo avrebbe spinto i protagonisti a muoversi. Si tratta, in pratica, di mettere insieme la Rcs, il sole24ore e il gruppo Class. Ne verrebbe fuori un gruppo in grado di confrontarsi con il dirimpettaio Repubblica-Stampa, anche se l’impresa, vista la quantità di soggetti in gioco, non è facilissima.