Blitz quotidiano
powered by aruba

Cara Delevingne: “In passato ho pensato al suicidio”

ROMA – Cara Delevingne, ex modella inglese ora impegnata nella promozione del film ‘Suicide Squad’ che la vede protagonista, è tornata a far parlare di sé. Dopo aver dichiarato apertamente il suo amore per la compagna St. Vincent, adesso la giovane 23enne ha ammesso altrettanto sinceramente di aver avuto un’adolescenza piuttosto difficile, durante la quale non sono mancati istinti suicidi e un massiccio abuso di farmaci. “Ero depressa, avevo istinti suicidi. Gli ormoni, la pressione di avere un buon rendimento scolastico per rendere fieri i miei genitori… Ho avuto un esaurimento nervoso” ha raccontato nel corso di un’intervista rilasciata alla rivista Esquire per la quale ha anche posato senza veli:

“Non ce la facevo più a vivere con tutta quell’ansia. Certo, sapevo di quanto fossi fortunata e privilegiata, ma tutto quello che volevo era farla finita. Se mi sentivo in colpa? Mi odiavo. Mi sentivo una fallita totale”. “Per stare meglio m’imbottivo di antidepressivi. Mi annebbiavano i sensi, non riuscivo neppure a pensare. Quando ho smesso di prenderli, avevo 18 anni. Mi sono detta ‘basta’, e… ho cominciato a sentire di nuovo” ha aggiunto ancora la Delevingne che non ha avuto timore di svelare il lato più intimo della propria adolescenza inerente la sua ‘prima volta’: “Quella settimana ho perso la verginità, ho fatto a botte, ho pianto e ho riso. È stata la cosa migliore del mondo riuscire a sentire di nuovo”. Proprio in virtù del doloroso passato, l’attrice infine si è detta nettamente contraria alle medicine, perché “è molto facile diventarne dipendenti e abusarne. Tutt’ora soffro di momenti di depressione, ma preferisco provare ad uscirne da sola piuttosto che con i medicinali”.