Blitz quotidiano
powered by aruba

Enrico Vanzina: “Christian De Sica, ex amico. E non racconto…”

ROMA – “Che brutto mese, ho perso su tutta la linea. E ho perso un grande amico: Christian De Sica. (…) Non entro in pettegolezzi privati perché sono un signore. Io”: un attacco durissimo al celebre attore romano è stato lanciato dalle colonne del Messaggero dal regista Enrico Vanzina, che con De Sica ha lavorato in molti film. 

Nella lettera pubblicata dal quotidiano romano Vanzina se la prende con i romani che non sono andati a votare al primo turno delle comunali lo scorso 5 giugno, favorendo il successo di voti della candidata del Movimento 5 stelle, Virginia Raggi. 

Vanzina se la prende anche con la Roma, che ha perso il campionato che, scrive, “nove mesi fa diceva di volere e potere vincere”. E poi racconta il proprio dispiacere per la perdita di un amico:

“Ho perso un grande amico: Christian De Sica. Ha fatto parte degli affetti veri della mia vita, ma l’ ho cancellato. Delle tre cose è quella che mi dispiace di più. Non entro in pettegolezzi privati perché sono un signore. Io.

La lista delle cocenti sconfitte è lunga. Ho perso la pazienza, per esempio. Non sopporto più i miei concittadini che dicono di amare Roma ma solo il 57% di loro è andato a votare. Praticamente un milione di babbei assenti. Bravi. Stavate tutti a Fregene, a Ostia, a Sabaudia, all’ Argentario, a magnà le cozze e a prendere il sole. Che citrulli. Con la vostra assenza vincerà un candidato con il 35% del 57% dei votanti, pari al 19% dei romani. Un capolavoro.

Ma mi fanno perdere la pazienza anche tutti quelli che cantano vittoria dopo questa tornata elettorale pur avendo preso bastonate in testa. A destra e a sinistra. Ancora ‘sta storia, nei talk show, che nessuno perde mai? E basta. Hanno vinto sul serio solo i Grillini. E rivinceranno anche il 19 giugno, perché i miei concittadini torneranno a Fregene, a Ostia, a Sabaudia, all’ Argentario, a magnà le cozze e a prendere il sole.

Speriamo che piova. Tuoni e lampi. Che il cielo li fulmini. Ho perso soprattutto tante illusioni positive. Da quello che ho letto, da quello che è stato esplicitamente dichiarato, svanisce la speranza di rivedere i Giochi Olimpici a Roma.

(…) Sapete che fo? Per non perdere ancora, il 19 forse voto anche io per la Raggi. Lo diceva Flaiano, l’italiano salta sul carro del vincitore. Almeno vinco qualcosa. A meno che vi ricordate Milan Liverpool? Al primo tempo vinceva il Milan 3 a 0. Poi la coppa andò al Liverpool. Meditate romani.