Blitz quotidiano
powered by aruba

Fabrizio Corona: “Belen e Borriello? Secondo me…”

ROMA – “Faccio i miei auguri a Belen e Borriello – ha detto Fabrizio Corona, intervistato da Di Tutto – anche se non sono mai stato un grande fan delle minestre riscaldate. Mai dire mai, ma la vedo molto, ma molto improbabile”. Nelle sue parole si intravede un velo di gelosia, anche se lui dice di guardare avanti: “Io sto bene così, felice e soddisfatto e non ho certo bisogno di cercare altrove le chiavi della mia felicità”.

Superdotato? Che sciocchezze…”. Nina Moric ha ancora qualche sassolino da togliersi riguardoFabrizio Corona. E usa Instagram per dire la sua su un argomento scottante. La modella, che ha appena compiuto 40 anni, non digerisce la disinvoltura con cui Corona pubblica le foto del loro bambino, Carlos. E così Nina si sfoga su Instagram, così:

“Ma è possibile che non esista una legge che vieti a uno dei 2 genitori (quando l’altro non è d’accordo) di pubblicare foto del figlio minore? Mio figlio che è in Croazia con la mia famiglia, manda foto a me e al padre e questa è una cosa bellissima. Il tempo che apro la foto la guardo, mi compiaccio di quanto mio figlio sia bello, e mi ritrovo su Instagram la stessa foto, con commenti anche brutti, perché purtroppo soprattutto per chi ha un briciolo di popolarità questo è inevitabile. La mia jihad contro quell’essere i cui unici valori che ha sono quelli del sangue, alterati evidentemente, visto che solo per quello è uscito dal carcere. Non è per gelosia, sentimenti o altro. A me non me ne frega una mazza. Ma se mio figlio a 14 anni non vuole finire sui Social noi dobbiamo rispettarlo. Dobbiamo proteggerlo da questo mondo in cui ci siamo trovati, e che a te ti ha pure rovinato e non sperare che ci entri anche lui per sostituire gli introiti che ti sono diminuiti e sempre più diminuiranno. Prova a continuare a raccontare sciocchezze sui libri come quando hai detto di essere super dotato dimenticando di scrivere fra parentesi (cit. la vergine di Shanghai) o che avevi un leone, copiando la storia dal libro di un ex narcotrafficante, perché tu avevi paura anche dei gatti”.