Pagina 5 - Gossip

George Clooney: “Io e Amal non vogliamo sapere il sesso dei bambini”

George Clooney e Amal

LOS ANGELES – “È un po’ da pazzi, vero? Se mi avessero detto che un giorno sarei diventato papà di due gemelli… Sono tre anni che dicono che Amal è incinta, ma questa volta è vero”: così George Clooney commenta la sua paternità in una intervista esclusiva pubblicata dal settimanale Chi nel numero in edicola da mercoledì 1 marzo.

E ancora: “Io ci penso sempre, 24 ore al giorno. Come non provare ansia di fronte a questa enorme responsabilità? Far nascere un bambino, addirittura due! Non so da dove vengano le voci che avremo un maschio e una femmina, nemmeno noi lo sappiamo ancora, e non vogliamo saperlo”.

“Siamo stati colti alla sprovvista per il modo in cui si è saputa la cosa – dice George Clooney – Io ero al funerale di mio cugino, più o meno un mese fa, e ho confidato a un amico che Amal aspettava due gemelli. Lui ne ha parlato a sua moglie, che è giornalista, e non è riuscita a non diffondere la notizia”.

“Questi bambini non facevano parte dei nostri progetti, prima non ne avevamo mai realmente parlato. Ma deve sapere che Amal e io non avevamo mai pronunciato una sola volta la parola ‘matrimonio’ prima che le chiedessi di sposarmi”.

L’arrivo dei figli cambierà, secondo l’attore, il frenetico ritmo di vita della coppia: “Io non andrò più né in Sud Sudan, né in Congo, Amal non andrà più in Iraq ed eviterà i luoghi dove sa di non essere la benvenuta. Abbiamo la fortuna di vivere in tre Paesi: Italia, America e Inghilterra. Ma quando i bambini andranno a scuola, dovremo decidere dove stabilirci” ha fatto sapere Clooney che ha riservato parole di stima e amore alla sua donna: “Amal è la persona più intelligente che conosca, è dolce, comprensiva e ha un gran senso dell’umorismo. Per istinto, cerca sempre il lato positivo. Spesso le persone si sentono intimidite da lei: poiché è molto alta, e molto elegante, dà la sensazione di essere un po’ fredda. Quando la conosci, però, ti rendi conto che è esattamente l’opposto”.

To Top