Blitz quotidiano
powered by aruba

Irina Shayk e la FOTO con la sorella Tatiana

ROMA – Presente Irina Shayk? Ecco la sorella: Tatiana. La top model le ha mandato gli auguri di buon compleanno tramite Instagram pubblicando una foto di loro due adolescenti e bellissime.

Vanity Fair racconta così l’infanzia e l’adolescenza di Irina:

Irina Valer’evna Šajchlislamova veniva da una famiglia poverissima: suo padre minatore è morto quando lei aveva 14 anni,lasciandola con la sorella maggiore e la madre maestra di musica. Cresciuta a Emanželinsk, a tre ore dalla capitale, mai si sarebbe immaginata che un giorno si sarebbe accorciata il cognome in Shayk e che sarebbe diventata una delle supermodel della sua epoca. Né che avrebbe anche fatto l’attrice, in Hercules: il guerriero. E sicuramente non poteva sapere che poi sarebbe diventata la fidanzata dell’attore più desiderato di Hollywood (Bradley Cooper) ed ex fidanzata del calciatore col corpo più scolpito della Champions League (Cristiano Ronaldo, accettato dopo che aveva fatto un figlio con un’altra, scaricato dopo che aveva fatto lo scemo con troppe altre).

L’intervista di Vanity Fair:

Che cosa ricorda della morte di suo padre?
«Tutto. Avevo 14 anni e all’improvviso sono rimasta sola con mia madre, che guadagnava circa dieci dollari al mese, e mia sorella che doveva andare all’università. Ma mi ricordo soprattutto l’assenza di mio padre, un uomo straordinario che faceva un lavoro terribile. Gli somigliavo tantissimo di carattere e fisicamente, perché ho preso la carnagione scura da lui che era tartaro, nato in un posto vicino alla Mongolia. Ho sempre pensato di essere la sua favorita, perché il carattere di mia sorella è femminile e il mio maschile: sono certa di essere stata un maschio, in una vita precedente. Credo fermamente nella reincarnazione».

CONTINUA A LEGGERE DOPO LA GALLERY

Immagine 1 di 29
  • Irina Shayk e la sorella Tatiana (foto Instagram)Irina Shayk e la sorella Tatiana (foto Instagram)
  • Irina Shayk
  • Irina Shayk
  • Irina Shayk
  • Irina Shayk
Immagine 1 di 29

Come reagì a quel tragico evento?
«Mi misi subito ad aiutare la mia famiglia: era come se mio padre fosse entrato dentro di me, ho subito sentito il bisogno di fare qualcosa. Tutto quello che ho conquistato nella vita dipende da quello che è successo in quei giorni, e quando mi dicono che la storia della mia famiglia è triste perché ero povera e non mangiavo tutti i giorni rispondo sempre che se invece avessi avuto tutto, come capita ad altri, non sarei mai arrivata qui».

In effetti, lei sembra molto determinata.
«Penso che nella vita sia importante stabilire degli obiettivi e raggiungerli. Sono iperorganizzata, altrimenti con questo lavoro non ce la farei, ma raramente faccio liste di impegni: cerco di ricordare tutto a memoria».

Anche in una relazione sa quello che vuole?
«Certo che sì, ho trent’anni e se non fosse così sarebbe grave: so esattamente che cosa voglio dalla mia famiglia, dai miei amici, dal lavoro».

Le è facile dare fiducia agli altri?
«In realtà, non ho molti amici: quelli veri li conto sulle dita di una mano, sono quelli con cui mi sento sempre a mio agio. Sì, la fiducia per me è la base di tutto, sia che si tratti di amici che di fidanzati».

Che cosa cerca in loro?
«Non una cosa sola: è tutto l’insieme che conta».

Ha trovato quello che cercava?
«Ottima domanda: passiamo alla prossima. Forse non le ho detto che sono un Capricorno, ci metto poco a infilzarla».

(…)


PER SAPERNE DI PIU'