Blitz quotidiano
powered by aruba

Marcella Bella: “Donatella Rettore? A Sanremo litigammo…”

Marcella Bella e Donatella Rettore continuano a litigare, seppure a distanza. L'occasione c'è stata martedì pomeriggio a La Vita in Diretta

SANREMO – Marcella Bella e Donatella Rettore continuano a litigare, seppure a distanza. L’occasione c’è stata martedì pomeriggio a La Vita in Diretta quando Cristiano Malgioglio ha intervistato la Bella e le ha chiesto della rivalità con la collega.

“Io sarei una pacifica se non mi pestano i piedi. Quel giorno lì eravamo seduti sul palcoscenico di Sanremo, stavamo facendo una trasmissione. A un certo punto la Rettore comincia ad attaccarmi, a dire che io mettevo dei tacchi altissimi, alludendo al fatto che non fossi così alta. Io allora me la sono presa e c’è stato un battibecco però l’avevo messa a posto”. Nel Sanremo del 1986, Rettore litigò dietro le quinte anche con Loredana Bertè. La contesa tra la Bella e Rettore si è riaccesa lo scorso anno, quando la Bella ha dichiarato che Rettore era gelosa di lei perché “da giovane era una bionda secca con labbroni a canotto. Mi criticava per il mio abbigliamento e per i tacchi alti”.

A giugno scorso infatti Donatella Rettore rispose a Marcella Bella che l’aveva definita “una pazza, invidiosa, che con i tacchi sembrava un travestito”, così:

“Si tratta di una diffamazione. Andrò dal mio avvocato penalista, che le cause le vince tutte – minacciò la Rettore dalle pagine di Nuovo, rivelando di aver appreso la notizia dall’inviato del settimanale – Non ne sapevo nulla, ma a Marcella non conviene continuare… Se ha qualcosa da perdere, la perderà!”. “Gli artisti non devono fare pettegolezzi – dice la Rettore – Una critica deve essere su quello che scrivi o canti, non su quello che sei, perché si tratta di scelte personali”.

E a chi le fa notare di aver criticato diversi colleghi in passato, su tutti Ligabue, Vasco Rossi e Gianna Nannini, Donatella Rettore ha risposto: “Sì, ma parlavo di musica. Io non voglio offendere nessuno, ma solo animare un panorama che mi sembra addormentato”.