Blitz quotidiano
powered by aruba

Renato Zero: “Ho rischiato di morire quando…”

ROMA – Renato Zero a cuore aperto, quello intervistato da Pier Luigi Diaco sul settimanale “Oggi”. Parlando del nuovo suo disco in uscita, il cantautore rivela un segreto fin qui tenuto gelosamente: “Subito dopo essere venuto al mondo rischia di morire a causa di una incompatibilità materno fetale del fattore Rh. Per questo, ho avuto bisogno di una trasfusione totale. In pratica sono un miracolato, uno al quale la vita è stata regalata e che poi è stato sempre grato di questo regalo”.

Renato Zero racconta l’infanzia a due facce a Roma: “L’impatto con la periferia è stato importantissimo. Ricordo di aver imparato da subito il significato delle parole insofferenza, disagio e rabbia. I primi undici anni della mia vita, però, furono diversi: andavo a scuola dalle suore a pochi passi da Piazza del Popolo e lì il contesto era decisamente diverso. C’erano i ‘figli di’ e i ragazzi della cosiddetta “Roma Bene”. Il passaggio alla Montagnola e l’infanzia a Via Ripetta sono stati utilissimi per capire l’alto e il basso della società, le sue contraddizioni, i suoi equivoci e le sue differenze”.

Immagine 1 di 5
  • Renato Zero (foto Ansa)Renato Zero (foto Ansa)
  • Renato Zero
Immagine 1 di 5