Blitz quotidiano
powered by aruba

Valeria Golino-Riccardo Scamarcio si sono lasciati perché…

ROMA – Novella2000 lancia lo scoop e Dagospia lo farcisce a dovere con dettagli ancora più succulenti. La verità è che la rottura tra Valeria Golino e Riccardo Scamarcio era nell’aria già da diversi mesi. Motivo? Le continue scappatelle di lui che avrebbero spinto la cinquantenne Valeria prima a cacciarlo di casa e poi a consolarsi nelle braccia di un misterioso francese.

Che il bell’attore pugliese fosse un tipo piuttosto libertino si leggeva tra le righe. Scrive Alberto Dandolo su Dagospia che le espressioni più gettonate nel suo repertorio erano “amore libero”, “indipendenza”, “autonomia ”. Non esattamente il linguaggio di chi è pronto ad accasarsi e mettere su famiglia.

Eppure il loro sembrava un sodalizio ormai consolidato. Tanto che, dopo 10 anni d’amore, a febbraio dello scorso anno erano apparse le pubblicazioni di nozze nel Comune di Andria, città natale di Scamarcio. Ma a settembre i fiori d’arancio erano già appassiti e dal red carpet di Venezia sono arrivate voci poco felici: il matrimonio è saltato.

La vera notizia, scrive Dagospia, è che

“la Golino già 4 mesi fa aveva accompagnato alla porta, cacciandolo letteralmente fuori di casa, il suo Riccardino”.

E gli indizi di una crisi erano ormai tanti, troppi:

“Dal figlio mai arrivato ai pellegrinaggi religiosi per avere la “grazia” di un ovulo fecondato, ai tentativi, dicono, di trovare una madre surrogata. I due pareva non riuscissero a trovare un punto d’incontro se non nella costruzione di una famigliola”.

Così la cinquantenne Valeria si è finalmente convita a lasciare andare il suo toy boy ormai stagionato. Ma dopo quattro mesi sarebbe tornata sui suoi passi:

“forse per solitudine, forse per amore. Sta di fatto che l’attore è durato come un gatto in tangenziale e avrebbe ripreso le sue allegre abitudini dopo meno di 48 ore”.

Si è arrivati così al fatidico giorno in cui la coppia, da sempre schiva al gossip, finisce sulla copertina di Novella2000, ma l’occasione è quella della loro rottura. Lei avrebbe lasciato lui per un francese. Fine di un amore lungo 10 anni.

“Chi sia – scrive Novella2000 – e come abbia fatto a scardinare dal cuore di Valeria l’uomo che sembrava quello della sua vita non si sa ancora. Ma deve essere davvero speciale se (se) è riuscito a far naufragare una delle relazioni più lunghe e solide del cinema italiano. A dispetto della differenza d’età (50 anni Valeria, 36 Riccardo) e dei presunti molteplici tradimenti di lui”.

A proposito delle nozze saltate Novella2000 ricorda la spiegazione data a suo tempo da entrambi: “Siamo artisti, non abbiamo avuto tempo“.

Detta da chiunque altro una frase del genere avrebbe fatto pensare a una rottura immediata. Detta da loro, ci crediamo tutti: sono artisti, non hanno avuto tempo. E la stessa Valeria, in un’intervista per i suoi 50 anni, precisa: «L’idea non è affatto scartata». Ma forse è proprio in questo matrimonio – rinviato prima, saltato definitivamente, pare, adesso – la chiave per capire questa rottura. A tenerci di più alle nozze è sempre stato lui, uomo del sud. Lo ha confessato la stessa Valeria: «Lui insiste, è meridionale, vuole fare le cose per bene, ma io sono indipendente, non credo di essere una ragazza da sposare».

E, tra le righe, lo aveva riconosciuto anche Riccardo: «Sono pugliese e in Puglia l’uomo è uomo e la donna è donna. So che non è molto politically correct, ma mi piace dire le cose che penso». L’anno scorso sembrava fatta, sembrava che Riccardo l’avesse convinta. Ma Valeria, che pure è meridionale (nata a Napoli da mamma greca, molto protettiva) è sfuggita. Non ce l’ha fatta a legarsi.

«L’amore non ha bisogno di definizioni», diceva con quella sua bellissima voce un po’ roca. Ma aggiungeva: «Mi sembra impossibile l’idea di un altro uomo nella mia vita. Se mi dovessi lasciare con Riccardo non riesco a immaginarmi in un’altra relazione nel futuro prossimo». Ma, come diceva lo stesso Scamarcio, con parole che ora suonano profetiche, «l’amore è qualcosa che sfugge al nostro controllo».