Blitz quotidiano
powered by aruba

Acido sul viso per una lite sulla dote: foto choc

DACCA – Acido sul viso per una lite sulla dote. Jesmin Akter ha solo 23 anni, ma nel suo Paese, il Bangladesh, è l’età di una donna di famiglia. Ma proprio per la sua famiglia, quella nuova, lei è finita in quello stato. A gettarle l’acido, rovinandole per sempre il volto, parte del cuoio capelluto e del collo, è stato suo marito per una lite sulla dote.

Jesmin è stata ricoverata al Medical College Hospital di Dacca con ferite molto gravi su gran parte del volto, della testa e del tronco.

Il suo corpo è stato avvolto in alcune bende nel tentativo di arginare le bruciature e di proteggere la pelle resa fragile dall’acido.

Ma quello di Jesmin non è certo l’unico caso del genere nel Paese, che insieme all’India è uno degli Stati in cui più sono diffusi gli attacchi con l’acido.

Secondo quanto riferisce il quotidiano britannico The Daily Mail, infatti, dal 1999 al 2015 nel Paese sono state 1847 le donne vittime di simili aggressioni. In tutto gli attacchi di questo tipo sono stati 3.626 e hanno riguardato 1.847 donne, 910 uomini e 877 bambini.

Spesso sopravvivono all’attacco, ma hanno conseguenze gravi sia a livello fisico sia a livello psicologico, anche perché in molti casi le famiglie di origine non vogliono più avere nulla a che fare con loro, per non venir stigmatizzate dalla società. Alcuni criminali usano l’acido proprio per infliggere dolori terribili alle proprie vittime.

 

Nel 2015 gli atti di violenza per questioni legate alle doti e gli episodi di stalking sono aumentati molto:oltre 1.800 tra donne e bambine sono state uccise, mentre 300 si sono suicidate, secondo i dati del Bangladesh National Women Lawyer Association.

Acido sul viso per una lite sulla dote: foto choc

Il volto sfigurato di Jesmin





PER SAPERNE DI PIU'