Blitz quotidiano
powered by aruba

Adam Johnson licenziato dal Sunderland per la pedofilia

Adam Johnson: ha confessato di aver adescato e baciato una minorenne. Tanto è bastato a incriminarlo. Il Sunderland ha stracciato il contratto

Adam Johnson licenziato dal Sunderland per la pedofilia

Adam Johnson licenziato dal Sunderland per la pedofilia

ROMA – Adam Johnson licenziato dal Sunderland per la pedofilia. Poche righe sul suo sito internet ufficiale per licenziare con effetto immediato Adam Johnson. Il giorno dopo che l’ex nazionale inglese, accusato di pedofilia, ha ammesso di aver avuto rapporti sessuali con una 15enne conosciuta su Internet, il Sunderland, ha deciso di dare il benservito al suo giocatore. ”Alla luce delle dichiarazioni di colpevolezza di Adam Johnsonannuncia la società della Premier League – il club ha terminato oggi il suo contratto con effetto immediato.

Il Sunderland non farà ulteriori commenti”. Davanti alla Corte di Bradford il centrocampista del Sunderland, ha raccontato di aver avuto rapporti intimi con una ragazza, che lo ha poi denunciato, nonostante fosse a conoscenza della sua giovane età. Già arrestato per lo stesso procedimento lo scorso anno, Adam Johnson rischia ora una lunga pena detentiva.

Ex stella del Manchester City, oggi al Sunderland, il 28enne Johnson era già stato arrestato lo scorso marzo con le stesse imputazioni. Rilasciato su cauzione – e reintegrato in squadra dopo una breve sospensione – venerdì il centrocampista inglese dovrà comparire in aula per rispondere alle domande dell’accusa. Ma prima che il dibattimento iniziasse ha voluto deporre davanti alla Corte di Bradford, raccontando di aver adescato su Internet e baciato una ragazza 15 anni. Johnson ha dunque riconosciuto la propria colpevolezza per due dei capi di accusa che gli sono stati mossi: adescamento e atti sessuali.

Accompagnato dall’attuale fidanzata Stacey Flounders, Johnson, alla domanda se avesse avuto contatti sessuali con la ragazza, pur sapendo che aveva meno di 16 anni, dopo un rapido confronto con il suo avvocato ha risposto in maniera affermativa. Un’ammissione che rischia di costargli un lungo periodo di detenzione nonostante abbia fermamente respinto altre due accuse riguardano altri presunti atti sessuali sempre con la stessa ragazza.