Blitz quotidiano
powered by aruba

Bambina indiana nata con tre gambe, la terza nella schiena

Varsha Sena è nata con una gamba in più che le spunta dalla schiena, a causa di una rara malattia chiamata polymelia, che colpisce un bambino su un milione

NEW DELHI – Bambina indiana nata con tre gambe, la terza nella schiena, eseguita con successo l’operazione per rimuovere l’arto addizionale20 è nata con una gamba in più che le spunta dalla schiena, a causa di una rara malattia chiamata polymelia, che colpisce un bambino su un milione.

La bambina è stata operata con successo lo scorso mese all’ospedale Govind Ballabh Pant, Nuova Delhi.

La madre, Komal Sena, racconta di non aver accettato da subito la condizione della figlia: “La prima volta che l’ho vista ho avuto paura di lei”. Dato il suo aspetto, Varsha venne chiamata dai familiari ‘Ganesh’, il Dio indiano con la testa di elefante, solitamente raffigurato con quattro gambe.

La polymelia nasce nell’utero, quando le cellule si formano in modo anomalo durante lo sviluppo embrionale e l’embrione stesso inizia a crescere come fosse un gemello siamese, ma uno dei due gemelli smette di crescere e lascia parti di ciò che aveva cominciato a sviluppare – solitamente arti – attaccate al bambino che invece sopravvive. In questo caso l’arto extra – la gamba – era sulla schiena, accanto alla colonna vertebrale.

Nel 2014, il MailOnline ha raccontato il caso di un altro ragazzo indiano nato con tre braccia: il suo braccio destro era posizionato normalmente mentre ne aveva due sulla parte sinistra del corpo.

Sempre il MailOnline ha riportato nel 2012 la storia di un’ altra bambina in Pakistan nata con un terzo braccio a causa della polymelia. Ma il caso più famoso di polymelia fu Lakshmi Tatma, indiana, nata con otto arti in più.

Immagine 1 di 4
  • Bambina indiana nata con tre gambe, la terza nella schiena 4
  • La bambina nata con tre gambe
  • Il dio Ganesh
Immagine 1 di 4

 





TAG:

PER SAPERNE DI PIU'