photogallery

Camaiore e Forte dei Marmi: casalinghe coi migranti. Scandali hot in Toscana

 toscana-scandali-hot

Ansa

CAMAIORE – A Camaiore in provincia di Lucca, ci sarebbero stati degli incontri hot tra donne (E mogli) del paese e giovani migranti ospitati nel centro di accoglienza. Stessa cosa a quanto pare sta accadendo anche a Forte dei Marmi. A scrivere dei due casi è La Nazione.

I vigili, appostati di fronte al centro di accoglienza di Camaiore per scoprire se era vero che nella struttura oltre agli uomini di sera vi fossero anche delle donne,  hanno scoperto che in realtà la processione verso il centro di accoglienza era formata da donne bianche, molte delle quali anche sposate.

Il caso è emerso dopo una interrogazione del capogruppo di Forza Italia Riccardo Erra. I vigili si appostano per controllare se è vero e scoprono, come scrive La Nazione, che “il viavai di auto nella notte, che aveva tanto allarmato i vicini di quella casa, era fatto di donne bianche, camaioresi, e qualcuna pare fosse anche sposata”.

Il presidente della Misericordia di Lido di Camaiore aveva già sgridato i migranti per la presenza di amiche all’interno della struttura riservata a soli maschi. Ma non è bastato. Perché, scrive sempre la Nazione, “durante gli appostamenti serali è stato notato che le auto che si fermavano per un paio d’ore erano di donne bianche, giovani e meno giovani, e anche riconoscibili. Però nessun reato veniva commesso, e quindi non ci sono state segnalazioni”. Ma lo scandalo sta facendo parlare tutta la cittadina.

E mentre in tanti ora si stanno chiedendo chi sono queste signore “piizzicate” mentre entrano al centro migranti, sempre in Toscana monta un secondo caso. Si tratta di  Forte dei Marmi. Qui però, secondo quanto scrive la Nazione, le voci sono più che attendibili. Anche nella meta del turismo chic ci sarebbero processioni di donne verso il centro di accoglienza per migranti. Solo che qui, a differenza di Camaiore, alla prestazione sessuale seguirebbe un pagamento. Per qualche ora di sesso i ragazzi sarebbero infatti stati pagati con ricariche telefoniche per i cellulari.

 

To Top