photogallery

Cani inferociti lottano insanguinati davanti ai padroni: FOTO choc dal Kirghizistan

Animali inferociti lottano insanguinati davanti ai padroni: FOTO choc dal Kirghizistan2
  • Animali inferociti lottano insanguinati davanti ai padroni: FOTO choc dal Kirghizistan1
  • Animali inferociti lottano insanguinati davanti ai padroni: FOTO choc dal Kirghizistan6
  • Animali inferociti lottano insanguinati davanti ai padroni: FOTO choc dal Kirghizistan5
  • Animali inferociti lottano insanguinati davanti ai padroni: FOTO choc dal Kirghizistan4
  • Animali inferociti lottano insanguinati davanti ai padroni: FOTO choc dal Kirghizistan3
  • Animali inferociti lottano insanguinati davanti ai padroni: FOTO choc dal Kirghizistan2
  • Animali inferociti lottano insanguinati davanti ai padroni: FOTO choc dal Kirghizistan1
  • Animali inferociti lottano insanguinati davanti ai padroni: FOTO choc dal Kirghizistan6
  • Animali inferociti lottano insanguinati davanti ai padroni: FOTO choc dal Kirghizistan5
  • Animali inferociti lottano insanguinati davanti ai padroni: FOTO choc dal Kirghizistan4
  • Animali inferociti lottano insanguinati davanti ai padroni: FOTO choc dal Kirghizistan3
  • Animali inferociti lottano insanguinati davanti ai padroni: FOTO choc dal Kirghizistan2

BISHKEK – Le immagini che seguono sono state scattate durante un evento barbaro che si è tenuto in un club di allevatori locali della capitale di Bishkek in Kirghizistan, e sono sconsigliate ad un pubblico sensibile. Si tratta di un gruppo di cani che lottano due a due tra loro. Le battaglie coinvolgono i pastori asiatici ed altre razze. In tutto sono 17 i proprietari di cani che li hanno portati in questo luogo tra la neve, per decretare quale sarà il “cane di razza campione”, scrive il Daily Mail.

Oltre al Kirghizistan, questo tipo di sfide si svolgono anche in Cina dove non ci sono leggi che vietano questi combattimenti crudeli. Ora però, almeno in Kirghizistan qualcosa sta cambiando. Gli attivisti stanno infatti facendo sentire la loro voce diffondendo immagini come queste, che mostrano i poveri cani inferociti e insanguinati che si prendono a morsi dopo essere stati aizzati dai padrone.

Le battaglie degli animalisti coinvolgono anche i circhi acquatici con balene e delfini che effettuano acrobazie e animali da zoo come orsi e tigri, anche questi impegnati in lotte illegali.

Si tratta di manifestazioni crudeli che nei paesi dell’ex blocco sovietico sono ancora molto frequenti.Alle autorità locali, infatti, il tema della crudeltà degli animali sembra interessare molto poco. A titolo di esempio basta citare che nel 2011, le autorità locali di Bishkek avevano annunciato l’intenzione di uccidere circa 10mila cani randagi. La decisione aveva scatenato una protesta internazionale con decine di petizioni che, diversamente da quello che si potrebbe credere non hanno affatto costretto il governo della città a tornare sui loro passi. Il comune si è infatti difeso dicendo che un programma di sterilizzazione di massa sarebbe troppo costoso. Chissà invece cosa penseranno ora, dopo la diffusione di queste nuove e drammatiche immagini (foto Epa/Ansa).

 

 

To Top